Gr Anfipoli. | L'antica biblioteca di Alessandria

Deposito più importante dell'Occidente di apprendimento

J. Harold Ellens 08/03/2014

Lettura J. Articolo di Harold Ellens "L'antica biblioteca di Alessandria" come esso è originariamente apparso in Recensione di Bibbia, Febbraio 1997. L'articolo è stato ripubblicato in primo luogo nella Bibbia storia quotidiana in maggio 2013.— Ed.


Nel marzo del 415 C.E., in una giornata di sole in Santo tempo di Quaresima, Cirillo di Alessandria, il teologo cristiano più potente del mondo, Ipazia assassinato, il più famoso filosofo greco-romano del tempo. Ipazia è stato macellato come un animale nella Chiesa di Cesarione, precedentemente un santuario del culto dell'imperatore.1 Cyril non può essere stato tra la gang che tirato Ipazia dal suo carro, strappare i vestiti e lei riducendo con frammenti di tegole rotte, ma il suo omicidio è stato sicuramente fatto sotto la sua autorità e con la sua approvazione.Cyril (c. 375–444) fu arcivescovo di Alessandria, il centro culturale e religioso dominante del mondo mediterraneo del quinto secolo E.V..2 Ha sostituito il suo zio Teofilo in quell'ufficio in alto 412 ed è diventato famoso e famigerato per la sua leadership a sostegno di quello che sarebbe diventato noto come cristianità ortodossa dopo il Concilio ecumenico di Calcedonia (451), Quando base dottrina cristiana era solidamente stabilita per tutto il tempo.

Fama di Cyril sorse principalmente dai suoi assalti su altri capi della Chiesa, e i suoi metodi erano spesso brutale e disonesto. Odiava Nestorius, Vescovo di Costantinopoli, ad esempio, perché Nestorius pensato di Cristo, divina e umana aspetti erano distinti uno da altro, considerando che Cyril ha sottolineato la loro unità. Al Concilio di Efeso in 431, Cyril organizzato per un voto condannando Nestorius svolgerà prima i sostenitori di Nestorius — i vescovi delle chiese orientali — fatto in tempo ad arrivare. Né fu Cyril sopra abusando dei suoi avversari di marche di staging e incitando i tumulti. Era una tale folla, guidato da uno dei seguaci di Cyril, Peter il lettore, che ha macellato l'ultimo grande filosofo neoplatonico, Ipazia.

Cyril è onorato oggi nella cristianità come un Santo. Ma al momento della sua morte, molti dei suoi colleghi vescovi espresso grande sollievo alla sua partenza. Teodoreto, Vescovo di Cirro, ha scritto "morte su quel Cyril coloro che gli sopravvisse gioiosa fatta, ma esso addolorato molto probabilmente morti; e non c'è motivo di temere che, trovandolo troppo fastidiosi, essi dovrebbero mandarlo indietro a noi."3

Conoscere le scoperte abbagliante che esce l'Alexander la tomba grande epoca presso Anfipoli in Grecia.


Uno dei motivi Cyril aveva Ipazia assassinato, secondo lo storico inglese Edward Gibbon, pensava che Cyril che Ipazia aveva orecchio politico del magistrato capo di Alessandria, che oppose vigorosamente ambizione di Cyril di espellere dalla città chi ha tenuto diversi punti di vista religiosi dal suo proprio.4 Cyril era geloso di Ipazia anche perché gli studiosi provenienti da tutto il mondo affollato nelle sue lezioni in Alessandria, Atene e altrove. Socrate (380–450), uno storico della Chiesa da Costantinopoli, dice di Ipazia:

[Lei] così è stato imparato che ha superato tutti i filosofi contemporanei. Ha portato avanti la tradizione platonica, derivata da Plotino, e istruiti coloro che desideravano imparare dentro... disciplina filosofica. Pertanto tutti coloro che desiderano lavorare a filosofia in streaming da tutte le parti del mondo, raccogliendo intorno a lei a causa del suo carattere dotto e coraggioso. Ha mantenuto un rapporto dignitoso con il capo popolo della città. Non si vergognava di trascorrere del tempo nella società degli uomini, per tutti lei stimato altamente, e lei è ammirata per la sua purezza.5

Padre di Ipazia, Teone, era un leader professore di filosofia e scienza in Alessandria. Aveva preparato una recensione di Euclide Elementi, che è rimasto il solo testo greco conosciuto dell'opera di grande matematico fino a una versione precedente è stato scoperto nella Biblioteca Vaticana in questo secolo.6 Teone predisse anche eclissi del sole e della luna che si sono verificati in 364.

Ipazia, Chi è nato circa 355, ha collaborato con suo padre da presto nella sua vita, i suoi lavori di editing e preparandoli per la pubblicazione. Secondo un'autorità, Lei era "di natura più raffinata e talento di suo padre."7 I testi esistenti di Tolomeo Almagesto e Tabelle utili probabilmente sono stati preparati per la pubblicazione da lei.8

Tali imprese scientifiche e filosofiche non erano di nuovo o sorprendente in Alessandria di Ipazia, che già vantava un 700 anni, reputazione internazionale per la borsa di studio sofisticato. Fondata nel 331 A.C..9 dal comando di Alessandro il grande, città conteneva quasi dai suoi inizi un'istituzione che rimarrebbe di immensa importanza per il mondo per il prossimo 2,300 anni. Originariamente chiamato il Museo, o santuario delle Muse, Questo centro di ricerca e la libreria è cresciuto in "un'istituzione che può essere concepita come una biblioteca in senso moderno — un'organizzazione con uno staff guidato da un bibliotecario che acquisisce e organizza il materiale bibliografico per l'utilizzo di lettori qualificati."10

L'Agorà ateniese era un grande centro di apprendimento antico. Per saperne di recenti scavi di Agorà nella Bibbia storia quotidiana funzionalità "Stoà Poikile scavi nell'Agorà ateniese."


Infatti, la biblioteca di Alessandria fu più. "Stimolato un intenso programma editoriale che ha generato lo sviluppo delle edizioni critiche, tali strumenti di ricerca di base come dizionari ed esegesi testuale, concordanze ed enciclopedie."11 La biblioteca è infatti sviluppato in un Istituto di ricerca enorme paragonabile ad un'Università moderna — contenente un centro per la raccolta di libri, un museo per la conservazione dei manufatti scientifici, residenze e laboratori per gli studiosi, aule e un refettorio. Nella costruzione di questa magnifica istituzione, uno scrittore moderno ha notato, gli studiosi Alessandrini "ha iniziati da zero"; loro dono alla civiltà è che mai abbiamo dovuto ricominciare da zero.12In 323 A.E.V., come estate infrangeva sulla costa settentrionale dell'Egitto, Alessandro Magno morì in Mesopotamia. All'interno di poco più di un anno, Aristotele morì a Chalcis e Demostene in Calaurie. A questo giorno, questi tre gigantesche figure, più di tutti gli altri, salvare Gesù e Platone forse, restano essenziali all'ideale della vita civile in tutto il mondo. Il motivo di che queste e altre figure rimangono vivi per noi oggi è l'antica biblioteca e "Università" di Alessandria.13

Quando Alexander è morto, suo impero fu diviso tra i suoi tre comandanti senior. Seleucis I Nicatore divennero re di raggiunge orientale dell'Impero, Fondazione Impero seleucide (312–64 A.E.V.) con la sua capitale a Babilonia.14 Antigono mi Monopthalmus (L'One-Eyed) ha preso possesso della Macedonia, Grecia e gran parte dell'Asia minore, ha fondato la dinastia antigonide, che durò fino al 169 A.C..15 Un terzo comandante, Ptolemy, ha assunto la posizione del satrapo, o governatore, dell'Egitto. Tolomeo fece la propria capitale Alessandria, portato il corpo di Alexander alla città per una deposizione reale e rapidamente ha intrapreso un programma di sviluppo urbano.16

Più grande progetto di costruzione di Tolomeo era la biblioteca di Alessandria, che ha fondato nel 306 A.C.. Quasi subito la biblioteca ha sintetizzato la migliore borsa di studio del mondo antico, contenente la ricchezza intellettuale della Mesopotamia, Persia, Grecia, Roma e l'Egitto. Finché è stato chiuso 642 C.E.—when gli arabi conquistarono l'Egitto e portato via il tesoro della biblioteca — era il veicolo principale mediante il quale l'apprendimento del passato è stato mantenuto in vita.17 Non solo ha fatto la libreria preservare le antiche scienze, ma si è rivelata per essere una forza vitale spirituale e filosofica dietro la sorprendente nuovi mondi dell'ebraismo, Neoplatonismo e cristianesimo.

La storia della biblioteca e del suo centro universitario cade in cinque fasi. Il primo, dalla sua fondazione nel 306 A.C.. a circa 150 A.E.V., era il periodo della scienza aristotelica, durante il quale il metodo scientifico era la caratteristica dominante dell'inchiesta da studioso. Il secondo, Da 150 A.C.. A 30 A.E.V., è stato caratterizzato da un deciso allontanamento dal empirismo aristotelica a una preoccupazione platonica con la metafisica e religione. Questo periodo coincise con il consolidamento di romano influenza nel bacino del Mediterraneo. Il terzo era l'età della influenza di Philo Judaeus, Da 30 A.C.. A 150 SEMPLIFICANDOSI. Il quarto era l'epoca della scuola Catechetical, 150 A 350 C.E., e il quinto era il periodo del movimento filosofico conosciuto come la scuola alessandrina, 350 A 642 SEMPLIFICANDOSI. Insieme, Queste cinque fasi coprono mille anni. Nessuna altra istituzione di questo tipo ha dimostrato di essere così longevo o così intellettualmente dominante del suo mondo e la storia successiva come biblioteca di Alessandria.

Tra qualche tempo 307 e 296 A.E.V., Tolomeo ho portato da Atene un noto studioso denominato Demetrios di Attica (345–283 A.E.V.) per intraprendere il suo progetto di vasta libreria.

Demetrios impostato su questa attività con vigore, fornire il corso la biblioteca doveva seguire per un millennio. Il suo genio risiede nella sua concezione della biblioteca come qualcosa di più di un recipiente per libri; doveva anche essere un'università dove sarebbe prodotto nuove conoscenze. Progettazione iniziale della biblioteca chiamato per dieci sale per ospitare i libri. Queste sale sono stati collegati ad altri edifici universitari da colonnati di marmo. Gli studiosi sono stati estesi royal appuntamenti con le borse di vivere e lavorare in questa comunità universitaria. Allo stesso tempo, Task Force incaricati di acquisire libri erano purga del Mediterraneo. Libri sono stati anche confiscati dalle navi ormeggiate nel porto di Alessandria, copiato e poi restaurata ai loro proprietari. Scriptorium dove le copie sono state fatte anche servito come una libreria, creazione di un'impresa redditizia con una clientela internazionale.

In 283 A.C.. Demetrios successe come capo bibliotecario Zenodoto di Efeso (325–260 A.E.V.), Chi ha ricoperto la carica per 25 anni. Questo brillante studioso era un grammatico greco, critico letterario, poeta ed editore. Ha continuato il lavoro di Demetrios su Homer, fare un dettagliato studio comparato dei testi esistenti, eliminazione di passaggi dubbiosi, recepire gli altri e fare correzioni. Produsse anche le prime edizioni critiche del Iliade e il Odissea e ciascuno di essi nella 24 libri in cui li abbiamo oggi.

Interessati alla storia e il significato dei rotoli del Mar morto? Nell'eBook gratuito Rotoli del Mar morto, imparare che cosa sono i rotoli del Mar morto e perché sono importanti. Scopri cosa ci dicono riguardo alla Bibbia, Cristianesimo ed ebraismo.


Era probabilmente Zenodoto, che ha stabilito come parte della libreria la sezione prestita pubblica nota come il Serapeion, così chiamato perché era un santuario per il Dio Serapis così come una biblioteca pubblica. Ha nominato due bibliotecari assistente: Alexander di Etolia (c nato. 315 A.E.V.), a specializzarsi nel teatro tragico e satirico greco e poesia; e Licofrone di Calcide (c nato. 325 A.E.V.), concentrarsi sui poeti comici. Entrambi questi uomini è diventato famosi nella loro propria destra come scrittori e studiosi.Una delle cose che più ci piacerebbe avere oggi la biblioteca di Alessandria è il suo catalogo, chiamato il Pinakes, la grande opera di Callimachus di Cirene (c. 305–235 A.E.V.), che servito in quattro bibliotecari capo ma mai salito a quella posizione se stesso. Il titolo completo del Pinakes è Compresse di opere eccezionali di tutta la civiltà greca.18 Pinakes significa "compresse" e probabilmente riferito originariamente al compresse o placche associate a pile, armadi e camere della biblioteca, identificare la grande varietà della biblioteca di libri da numerose culture, maggior parte dei quali tradotti in greco.A

Anche se solo frammenti della Pinakes sono sopravvissuti, Sappiamo molto su di esso. Più affidabili fonti concordano sul metodo organizzativo utilizzato nel catalogo, che dimostra ampiamente il carattere sofisticato della biblioteca antica. Il Pinakes ha consistito di 120 pergamene, in cui tutte le opere in biblioteca sono state organizzate dalla disciplina, con una descrizione bibliografica sostanza per ogni lavoro.19 L'enciclopedia della conoscenza come esso ha stato concettualizzato poiché periodi antichi è derivato dal disegno di Callimachus. Come ha notato uno studioso leader, "La tradizione occidentale dell'autore come voce principale può dirsi abbia avuto origine con di Callimachus Pinakes.”20

Il Pinakes identificato ogni volume dal titolo, quindi registrato il nome e il luogo di nascita dell'autore, il nome del padre dell'autore e insegnanti, il luogo e la natura della formazione dell'autore, ogni soprannome o pseudonimo applicato all'autore, una breve biografia (compreso un elenco delle opere dell'autore e un commento sulla loro autenticità), la prima linea di lavoro specificato, un breve riassunto del volume, la fonte da cui è stato acquisito il libro (come la città dove è stato acquistato o la nave o viaggiatore, dal quale fu confiscata), il nome del precedente proprietario, il nome dello studioso che modificato o corretto il testo, Se il libro conteneva una singola opera o numerose opere distinte, e il numero totale di linee in ogni lavoro.21

Il Pinakes fu il prima grande biblioteca catalogo della civiltà occidentale, proprio come la Bibbia di Gutenberg fu il primo grande libro stampato. [Io]t guadagna per il suo autore, il titolo di "padre della bibliografia. Così, come in tutti gli sforzi intellettuali, i greci fissa i canoni della catalogazione, che sono state incorporate, Più o meno, nella nostra biblioteca del Congresso, Europea, e altri sistemi. Tuttavia, il Pinakes era più di un catalogo. E ' stato il lavoro del più importante uomo di lettere della sua età. Egli non potrebbe considerare anche un soggetto puramente scientifico come il Pinakes... senza imprimere al suo lavoro i negozi ricchi della sua borsa di studio, e così il primo catalogo mondiale della conoscenza divenne anche la prima storia letteraria e critica della letteratura ellenica, e anche guadagnato per il suo autore, il titolo di "padre della storia letteraria.22

Alla fine della vita di Callimachus, la biblioteca è preteso di avere contenuti 532,800 attentamente catalogati libri, 42,800 di cui erano nella biblioteca presso il Serapeion. Due un secolo e mezzo più tardi, al tempo di Gesù, ha tenuto 1 milione volumi.23

E ' stato funzionari con l'esercito di conquistatori arabi che ha visto l'ultima volta la libreria nel suo stato operativo. Senza dubbio in gran parte è stato portato via alle proprie librerie royal. È probabile che il carattere e la struttura di su Callimachus Pinakes è stato usato come modello per un brillante controparte arabo del decimo secolo noto come il Al-Fihrist, or Indice, di Ibn-Al-Na ḍīm, che abbiamo nella sua forma praticamente completa e originale. Sopravvivono frammenti della Pinakes confermare la probabilità di questo.24

Per i suoi primi due secoli, la biblioteca di Alessandria ha continuato ad essere un centro per quasi ogni tipo di ricerca nelle scienze naturali così come in filosofia e scienze umane, impiegando il metodo scientifico sviluppato da Aristotele, che, Grazie a Francis Bacon (1561–1626), forma il fondamento della scienza moderna.25

Eratostene di Cirene (275–195 A.E.V.), studente di Callimachus, che è salito a diventare capo bibliotecario, è un classico esempio dell'erudito alessandrino del periodo. Egli era un abile matematico, geografo, astronomo, grammatico, Cronografo, filologo, filosofo, lo storico e poeta. Ha fondato le scienze dell'astronomia, Geografia fisica, geodetics e cronologia. Era conosciuto come la persona più dotto dell'età tolemaica26 e fu acclamato dai suoi contemporanei come seconda solo a Platone come un letterario pensatore e filosofo.

Eratostene datato la guerra di Troia per circa 1184 A.E.V., una data generalmente accettata nei tempi antichi e rispettato da molti studiosi moderni. Ha elaborato un calendario che comprendeva un anno bisestile, e ha calcolato l'inclinazione dell'asse terrestre. Uno dei suoi più memorabili successi fu l'invenzione di un metodo preciso per misurare la circonferenza della terra (vedere l'intestazione laterale a questo articolo).

Durante il suo mandato come capo bibliotecario, Eratostene portò ad Alessandria le copie ateniese ufficiale dei tre grandi tragediografi attico: Eschilo, Sofocle ed Euripide. Ciò ha coinvolto un po' di mercanteggiamento scurrile: Tolomeo III ha approvato un accordo per l'assunzione di questi preziosi manoscritti da Atene, l'equivalente moderno di costituzione in pegno $4 milioni come fideiussione.27 Con i documenti in mano, Tolomeo III poi incamerato il suo deposito, cavallerescamente conservando i manoscritti originali per la biblioteca di Alessandria, e ha incaricato il personale per fare buone copie su papiro di qualità fine, che poi sono stati inviati a Atene. "Gli ateniesi sia con il denaro e le copie,"uno studioso ha osservato, "sembrano inoltre sono stati soddisfatti con l'affare."28

Aristofane di Bisanzio (c. 257–180 A.E.V.) seguito Eratostene come capo bibliotecario e servito per circa 15 anni. Era un uomo con una memoria fotografica e potrebbe citare a lungo le fonti letterarie in biblioteca.29 Aveva letto tutti. Si dice che mentre a giudicare i concorsi di poesia ha rilevato regolarmente plagiati linee, e in una serie di occasioni, Quando ha sfidato dal re per giustificare la sua critica, citate le fonti e recitato i brani originali. Come filologo, grammatico e autore, Aristofane prodotto poesia, drammi ed edizioni critiche delle opere del suo celebre omonimo, Aristofane (c. 450– c. 388 A.E.V.), il drammaturgo e poeta greco.

Verso la fine della sua vita, Aristofane fu imprigionato da Ptolemy V Epifane per intrattenere un'offerta per spostare la grande biblioteca di Pergamo. Tale repressione non ha creato un clima ideale in cui potrebbe fiorire la borsa di studio. Dopo il suo imprigionamento, la libreria languiva sotto un direttore ad interim, Apollonius Eidograph. Ma in 175 A.C.. fu nominato un nuovo capo bibliotecario, Aristarco di Samotracia (217–130 A.E.V.), che tornò l'istituzione alla sua grande tradizione di borsa di studio alto e sofisticazione scientifico.

Aristarco fu bibliotecario capo per 30 anni, Da 175 A 145 A.C.. Egli è ancora considerato uno dei più grandi studiosi letterarie perché sua recensione delle opere di Omero continua ad essere il testo standard (Textus receptus) su cui si fondano tutte le versioni moderne. Oltre alle sue due edizioni critiche di Omero, Analogamente produsse edizioni erudite di Esiodo, Pindaro, Archiloco, Alceo e Anacreonte. Scrisse commentari sulle opere di tutti questi poeti classici nonché su drammaturghi Aeschylus, Sofocle e Aristofane, e lo storico Erodoto.

Aristarco era stato il maestro di Tolomeo VIII Evergete II, e anche se quest'ultimo ha guadagnato una reputazione per essere un mostro, i due rimasero apparentemente gli amici. Quando una guerra civile e politico insurrezione contro il re si alzò in 131 A.E.V., Aristarco lo accompagnò nel suo esilio a Cipro. Ci Aristarco morì prima di Ptolemy VIII ritornò in trionfo in 130 A.C.. per continuare il suo regno oppressivo per un altro 14 anni. Con il suo Regno, si è conclusa la storia del saggio e umano Tolomei e bibliotecari illustri. Da allora in poi, borsa di studio prezioso continuata ad Alessandria, come il lavoro di Philo Judaeus (30 B.C.E.–50 E.V.), la scuola catechetica di Clemente e Origene (150–350 E.V.) e la scuola neoplatonica (350–642 E.V.), ma dopo 130 A.C.. sia il re che gli studiosi erano luci minore. Rivoluzioni, insurrezioni e persecuzioni devastata dal Regno come intrigo politico dinastico afflitto il paese, la città e la comunità accademica. Alla fine del mandato di Aristarco, tale insoddisfazione ha esistito fra gli eruditi per quanto riguarda il carattere del re e le condizioni della comunità accademica che Ptolemy VIII imposto un regolatore militare dopo le operazioni della libreria.

Considerando la vasta accumulazione dei dati scientifici raccolti gli antichi greci e romani, e loro metodi avanzati di ricerca empirica, è sorprendente che non realizzano alcuni svolta fondamentale in chimica o fisica che sarebbe precipitare una rivoluzione industriale. I greci e i romani sia capito, ad esempio, il potere del vapore prodotto dall'acqua riscaldata. I Romani imbrigliato il vapore per alimentare i giocattoli. C'è qualche indicazione che hanno impiegato per alimentare i cannoni d'assedio. Che cosa li tenne indietro da che utilizzano macchine a vapore-guidato, che hanno permesso quel salto gigante dal mero muscolo alla potenza meccanica? Essi avevano affinato scienze dell'ottica, geometria e fisica. Cosa impediva loro di immaginare e creare un microscopio? Hanno capito la teoria atomica in qualche modo grossolano. Che cosa ha impedito loro di identificare i componenti dell'acqua come idrogeno e ossigeno e quindi passare alla complessità della chimica? Sembra che hanno marciato fino alla soglia intellettuale e scientifica per la meccanizzazione e poi caduto indietro in un 1.500 anni di oscurità. Loro scienze aveva bisogno di essere riscoperto e reinventato nel Rinascimento del XII-XIV secoli prima che il prossimo passo avanti potrebbe essere fatta. Perché?

La risposta probabilmente si trova nella zona di due circostanze culturale: (1) lo spostamento in una borsa di studio Biblioteca Alessandrina dall'empirismo aristotelica alla speculazione metafisica platonica in circa 100 A.E.V., e (2) La subduzione barbaro di Roma nei secoli quinto e sesto semplificandosi.

Sempre durante questo periodo di declino, la ricchezza e il capitale intellettuale di Alessandria è stata dissipata nel tentativo di mantenere relazioni realizzabile con il crescente potere di Roma. Quando aumentò il tributo a Roma, e subito l'investimento materiale in biblioteca e la sua borsa di studio, l'importanza intellettuale superiore, prodezze e produttività che era stato standard sotto i primi Tolomei si dimostrò impossibile mantenere: "Sono stati disegnati i dons nel vortice politico, e quelli non così propenso tacquero. La scorza per produrre le cose della cultura è stata interrotta definitivamente."30

Una conseguenza di questi inquietanti volte era un'intensa svolta verso la religione. Ebrei ellenistici erano sperimentando vari generi di teologie.31 Nella cultura greco-romana, le religioni misteriche erano popolari, Nonostante l'importanza del culto imperatore. Le radici del cristianesimo, Gnosticismo e Judaism rabbinico erano già insinuando stessi nei suoli ricchi di questo mondo inquieto. In Alessandria, la comunità accademica abbandonato sua intensa, proficuo concentrarsi sulla scienza empirica dopo la modalità di Aristotele e si perde nell'indagine accademica sulla religione e la filosofia del platonismo.

Anche se il declino dell'età d'oro del centro antico library e Università è triste a contemplare, il "sea change" tuttavia inaugurò l'era appena produttivo del giudaismo ellenistico di Philo Judaeus (30 B.C.E.–50 E.V.); il neoplatonismo di Plotino ellenistico (205–270 E.V.), Porfido (c. 234–305 E.V.), Olimpio (c. 350–391 E.V.) e Ipazia (355–415 E.V.); e il cristianesimo ellenistico di Panteno (c. 100–160 E.V.), Clemente (c. 150–215 E.V.), Origene (c. 185–254 E.V.), Tertulliano (c. 155–225 E.V.), Atanasio (c. 293–373 E.V.) e Cirillo di Alessandria (c. 375–444 E.V.). Così la cultura accademica della biblioteca antica divenne il vivaio delle grandi filosofie dell'ebraismo e cristianesimo e così ha continuato a influenzare la cultura occidentale per due millenni, mostrando il piccolo segno di cedimento, come ci muoviamo verso il terzo.

Philo Judaeus è stato sicuramente uno dei più eminenti studiosi in Alessandria al volgere del millennio. Sua vita si sovrappone a quella di Gesù di Nazareth ed è il ponte da studioso tra l'era pre-cristiana dell'antichità greca e il ning begin della storia cristiana in Alessandria. Con la comparsa di Philo, Borsa di studio ebraico divenne una forza prominente ci. Philo era un membro di una famiglia ebrea nell'influente comunità ebraica alessandrina. Suo fratello, Alexander la Alabarch, ha portato quella comunità. Philo ha vissuto molto della sua vita nella contemplazione, creazione di una vasta gamma di libri.

La Comunità ebrea metà della città di Alessandria incluso nel tempo di Filone e gran parte della popolazione generale dell'Egitto. Philo e i suoi contemporanei consideravano essere fedeli ebrei. Ebraismo ellenizzata fu generalmente accolto da ebrei d'Egitto e fornito un'interpretazione dell'ebraismo per i greci sia un'interpretazione dell'ellenismo per società ebraica, allungando il tutto sul telaio delle storiche tradizioni ebraiche.

Philo ha cercato di dimostrare che il Giudaismo poteva essere accettato dai greci per la sua saggezza universale e superiore spaccato della verità ultima. Soggetti trattati di Filone e l'organizzazione che ha usato riflettono il modello impostato per borsa di studio presso la biblioteca di Callimachus Pinakes. Philo sistematicamente l'intera gamma di argomenti che avevano formato le categorie di quel grande catalogo. I suoi scritti comprendono indagini della teologia, filosofia, critica letteraria, analisi testuale, retorica, storia, legge, medicina e cosmologia. Tuttavia, Filone non era semplicemente interessato nell'esplorazione scientifica obiettiva. Il suo movente più grande era quello di dimostrare che tutto ciò che è prezioso e virtuoso in greco pensato e ideali anche è stato sintetizzato dai patriarchi biblici e degli eroi della fede della tradizione religiosa ebraica. Philo trattata la nozione greca del Logos, ad esempio, come l'espressione universale della saggezza ebraica (Khokhma in ebraico; Sophia in greco), Libera espressione di Dio nel mondo materiale.

Philo ha vissuto in un momento quando la fiducia in un mondo governato da causa ed effetto aveva dato alle domande sullo scopo della vita e della storia. Sue domande riguarda la natura di Dio; Funzione di Dio dell'universo come creatore, Manager e Redentore; e il significato e il destino dell'umanità. La domanda primaria per gli studiosi di mentalità platonica e laici allo stesso modo era come un trascendente, Dio ineffabile dello spirito puro potrebbe essere collegato ad un universo materiale. Inoltre, sembrava evidente che il mondo materiale è stato girato attraverso con il dolore e il male. Come un perfetto Dio poteva creare un mondo imperfetto?

In entrambe le tradizioni ebraiche e greche che Philo ereditato, il problema è stato risolto da un modello del mondo in cui Dio è stato separato dall'universo creato da una serie di intermediari. Questi sono stati pensati come forze divine, agenzie o persone. L'intermediario principale era il Logos. I filosofi stoici greco avevano fatto gran parte del concetto di Logos dal tempo dei primo platonismo in avanti. Philo ha visto la tradizione greca come semplicemente un'altra espressione dei riferimenti alla saggezza nel lavoro 28, Proverbi 1-9, La saggezza di Ben Sirach, Baruch e altra letteratura nella tradizione ebraica. Philo capito i loghi di essere responsabile della creazione dell'universo materiale, sorvegliando provvidenzialmente e si redime. Per filone, Loghi era razionalità di Dio, sia nella mente di Dio e nella struttura razionale della creazione. Sophia era la comprensione che Dio ha e che gli esseri umani acquisiscono quando scoprono il Logos di Dio in tutte le cose. Philo, in occasione, allegoricamente si riferisce al Logos/Sophia come un angelo e, raramente, come un "secondo Dio". Nella sua esposizione della Genesi 17 (descrivendo l'alleanza di Dio con Abramo), Egli caratterizza Dio come una Trinità di agenzie.32

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel Recensione di Bibbia. Ogni articolo pubblicato mai in Rassegna biblica di Archaeology, Recensione di Bibbia e Odyssey di archeologia è disponibile nella Biblioteca BAS. Clicca qui per visitare la libreria.


Tra 150 e 180 SEMPLIFICANDOSI. un filosofo stoico denominato Panteno fu convertito al cristianesimo e divenne il preside, Se non il fondatore, un'istituzione cristiana, conosciuta come la scuola catechetica di Alessandria. Questa scuola riflette la lunga tradizione intellettuale della Biblioteca Alessandrina e può anche essere stata una parte di quell'impresa da studioso.33Panteno servito come capo della scuola Catechetical abbastanza a lungo per portarlo fuori dall'oscurità e poi, consegna la sua leadership a Clemente, divenne un missionario. In India Panteno scoperto una comunità di ebrei cristiani, discepoli dell'Apostolo Thomas, cui fede e la vita sono stati costruiti intorno a loro uso di una versione ebraica del Gospel di Matthew. Panteno mai restituito a Alessandria.34

Clemente (c. 150–215 E.V.) fu allievo di Panteno, e Origene (c. 185–254) molto probabilmente fu allievo di Clemente. La connessione teologica tra di loro, così come la loro dipendenza dai lavori di filone di 150 anni prima, sollecita questa conclusione. Clemente e Origene sembrano hanno ripreso il modello di filone del rapporto di Dio con il mondo creato, particolarmente la funzione del Logos nella creazione, Provvidenza e salvezza.

Queste due figure imponenti di precoce sviluppo teologico cristiano erano dirigenti scolastici della scuola catechetica di Alessandria, che fiorì sotto di loro e divenne presto famoso in tutto il mondo cristiano. Eusebio (c. 260–348), uno storico della Chiesa, si riferisce ad esso come "scuola di apprendimento sacro stabilito... dai tempi antichi, che ha continuato fino ai nostri tempi, e che abbiamo capito è stato tenuto da uomini in grado di eloquenza, e lo studio delle cose divine."35

Suo rapporto al filone e suoi predecessori greci classici è stata descritta come segue:

I primi rappresentanti dell'esegesi Chiesa precoce non erano i vescovi, ma piuttosto "insegnanti" (didaskaloi) delle scuole catechistiche, modellato in scuole filosofi Hellenistic in cui principi interpretativi e filologici erano stati sviluppati secondo le tradizioni dei fondatori delle rispettive scuole. L'interpretazione allegorica dei testi filosofici e poetici classici greci, che è stato diffuso presso la biblioteca e Museo (la scuola) di Alessandria, ad esempio, direttamente influenzato il metodo esegetico della scuola Christian Catechetical ci. Basando i suoi principi sui metodi di filone di Alessandria e Clemente di Alessandria, il suo insegnante, and others, Origene... ha creato la Fondazione per il tipo di esegesi cristiana (vale a dire, il metodo tipologico-allegorica) che durò dal periodo patristico e il Medioevo, fino al momento di Lutero nel XVI secolo. Origene basa sua esegesi completa lavoro critico-testuale che era comune alle attuali prassi ellenistiche come raccolta di testi ebraici e greci traduzioni parallele dell'Antico Testamento. La sua principale preoccupazione, Tuttavia, era quella di accertare il significato spirituale delle Scritture, la verità divina transtorica che è nascosto tra i record della storia della salvezza nelle Scritture. Ha così sviluppato un sistema che contiene quattro tipi di interpretazione: letterale, morale, tipologica, e allegorici.36

Clemente di enfasi teologica e filosofica poco differiva da quella di Philo, salvo che l'orientamento della sua nozione della dottrina loghi/Sophia era cristiana, piuttosto che ebreo. Scopo di Clemente nel suo insegnamento e il ministero era convertire ai membri del cristianesimo della comunità greca educato ad Alessandria, il tipo di persone che in precedenza sono stati attratti al tipo di filone del giudaismo ellenistico. "Proprio come Philo aveva presentato l'ebraismo come la più alta forma di saggezza e i mezzi di cui l'umanità sarebbe venuto a ' vedere Dio,"così Clemente ha sollecitato che il cristianesimo era la fine in cui tutta la filosofia attuale era stato spostando... la nuova melodia superiore a quella di Orfeo."37

Origene avanzate idee di Clemente e identificato direttamente i loghi con la persona di Gesù di Nazareth, personificando così i loghi. Tale personificazione del Logos non era raro nel mondo di Philo, Clemente e Origene. Infatti, era una pratica relativamente comune nella tradizione ebraica e greca a concepire di poteri divini o agenti come identificato presso varie volte con specifiche persone straordinarie. Come l'agenzia divina era personificata in una persona umana, è stato umanizzato il divino e l'umano divinizzato.

Era questa prospettiva teologica nordafricana significativa nella teologia di Clemente e Origene che dominava Christian pensato dal Concilio di Nicea nel 325 SEMPLIFICANDOSI. al Consiglio di Chalcedon in 451 SEMPLIFICANDOSI. A questi consigli le dottrine della divinità di Cristo e la natura trinitaria di Dio erano lavorate. Così, c'è una linea retta tra la biblioteca di Alessandria, Giudaismo ellenistico di Philo Judaeus e le dottrine cristiane della divinità di Cristo e la natura della Trinità. Questo collegamento è, Certo, molto complesso, e altre forze interessate anche questo sviluppo, come la grande varietà di teologie politeiste (che propongono che esistono esseri intermediari tra Dio e creazione) presente nel Judaisms di 200 A.C.. A 200 SEMPLIFICANDOSI. e che Philo voluto contrastare al fine di perfezionare e proteggere il monoteismo ebraico. Tuttavia, è l'influenza del modello teologico e filosofico di Philo (mediata da Clemente e Origene ai vescovi riuniti in grandi consigli), combinato con l'interpretazione allegorica molto speculativo della scrittura sotto l'influsso del neoplatonismo (tipico dell'outlook in Alessandria), Questo spiega che la teologica sposta dei consigli da un Gesù che è stato riempito con i loghi di un Cristo che era l'essere di Dio.

Come si svolse questo sviluppo giudeo-cristiana, sono stati seminati i semi della scuola alessandrina presso l'antica biblioteca e la sua Università. Plotino (205–270 E.V.) stabilito il movimento con la sua articolazione di un nuovo tipo di platonismo. Molte somiglianze possono essere visto tra questo neoplatonismo e il Giudaismo e il cristianesimo nel secondo e terzo secolo semplificandosi. Neoplatonismo levato in piedi per un'intensa spiritualità personale, principi etici stimabili e una teologia radicata nella filosofia ellenistica che così significativamente a forma di filone.

Plotino e il suo discepolo Porfirio (c. 234–305 E.V.) guardò per l'ultima esperienza religiosa come una visione estatica di Dio, aderito agli standard di purezza personale che ha reso il più fervente cristiano invidiose e proclamato che Dio si rivela nel mondo materiale in una Trinità delle manifestazioni. Questa singolarmente interessante alternativa al cristianesimo viene sostenuta nei secoli quarto e quinto in Alessandria dal neoplatonico notevole "Santi,"Olimpio e Ipazia — portandoci indietro a dove abbiamo iniziato.

Anche se Ipazia fu brutalmente assassinato da Cyril per aver sostenuto una filosofia che ha pensato era antitetica al cristianesimo "ortodosso", suo marchio del neoplatonismo è diventato sempre più attraente per i filosofi cristiani. Nel sesto secolo, esso è stato ripreso da li. Anche se la scuola alessandrina fu formalmente eclissata quando gli arabi distrussero la biblioteca — e gran parte della città — in 642, suo spirito sopravvive a questo giorno nella sua influenza sul cristianesimo.

Questa è la storia della biblioteca di Alessandria, troppo. Dopo aver distrutto la biblioteca, Arabi ha conservato una grande percentuale dei volumi antichi, come dimostra il fatto che hanno posseduto, in greco e Arabo Traduzione, molte delle opere dei poeti antichi, drammaturghi, scienziati e filosofi, tra cui Platone, Aristotele, Euclide ed Eratostene. Quando i crociati europei ha incontrato il mondo arabo nei secoli XI e XII, quelle opere venerabili divenne noto ancora in Europa, dando origine al Rinascimento. Scienziati e filosofi islamici — come Averröes, un arabo spagnolo (1126–1198 E.V.), e Avicenna, un persiano (980–1037 E.V.)— restituì i libri antichi e la loro saggezza al mondo occidentale e insegnato Christian Europa a conoscere nuovamente e premio le sue radici nell'antica Grecia.

Così l'antica biblioteca di Alessandria rosa come una fenice dalle sue proprie ceneri. Lei è stata ferita, Forse, ma non è mai veramente morto.


J. Harold EllensJ. Harold Ellens è uno studioso di pensionato che ha studiato presso l'Università del Michigan e servito come un conferenziere occasionale per l'Istituto di antichità e Cristianesimo presso la Claremont Graduate School in California. È autore di numerosi libri e centinaia di articoli, compreso L'antica biblioteca di Alessandria e Sviluppo precoce di Theological cristiano (Claremont Graduate School, 1993).


Note

A. Il più noto libro raccolto da una cultura non-greco e tradotto in greco presso la biblioteca era la Bibbia ebraica, conosciuto nella sua forma greca come Septuagint (LXX). Mi sembra di aver raggiunto lo stato di un testo greco in gran parte completato e ufficiale tra 150 e 50 A.C.. Philo Judaeus (30 B.C.E.–50 E.V.) ovviamente sapeva e ha lavorato con una versione greca della Bibbia ebraica.

1. Maria Dzielska, Ipazia di AlexandriA, Trans. F. Lyra (Cambridge, MA: Harvard Univ. Stampa, 1995), p. 93. CF. J. Harold Ellens, L'antica biblioteca di Alessandria e paleocristiani sviluppo teologico, Carte occasionali 27, Istituto di antichità e cristianesimo (Claremont: Claremont Graduate School, 1993), PP. 44–51.

2. "San Cirillo di Alessandria,"in Enciclopedia Britannica, Micropaedia, 15Th ed., Vol. 3, Cols. 329–330.

3. Teodoreto, citato in Le opere di Charles Kingsley, 2 vols. (New York: Editrice società cooperativa, 1899).

4. Edward Gibbon, Il declino e la caduta dell'Impero romano, ed. JADID. Seppellire, 3 vols., con note di Gibbon, introduzione e indice di Bury e una lettera al lettore da P. Guedalla (New York: Patrimonio, 1946).

5. Socrate Scolastico, Historia Ecclesiastica 7.15, a. c. Zenos, ed., Vol. 2 di Il Nicene e padri Post-Nicene, 2ser. d, ed. Philip Schaff e Henry Wace (Grand Rapids: Eerdmans, 1957), p. 160. Vedi anche Edward A. Parsons, La Biblioteca Alessandrina, Gloria del mondo ellenico: Suo aumento, Antichità, e distruzioni (Londra: Mannaia-Hume, 1952), p. 356.

6. "Teone di Alessandria,"in Enciclopedia Britannica, Micropaedia, 15Th ed., Vol. 9, col. 938; "Euclide,"in Enciclopedia Britannica, Macropaedia, 15Th ed., Vol. 6, col. 1020; Ellens, Alessandria, p. 44; e Dzielska, Ipazia di Alessandria, PP. 68–69.

7. Dzielska, Ipazia di Alessandria, p. 70, citando Damascio senza citando quale fonte.

8. Dzielska, Ipazia di Alessandria, PP. 70–73.

9. Steven Blake Shubert, "Le origini orientali della Biblioteca Alessandrina,” Libri 43:2 (1993), p. 143.

10. Shubert, "Origini orientali,"pp. 142–143.

11. Shubert, "Origini orientali,"p. 143.

12. Shubert, "Origini orientali,"p. 143.

13. Ellens, Alessandria, PP. 1– 2.

14. Enciclopedia Britannica, Macropaedia, 15Th ed., Vol. 16, Cols. 501–503.

15. Enciclopedia Britannica, Macropaedia, 15Th ed., Vol. 1, Cols. 990–991.

16. Enciclopedia Britannica, Macropaedia, 15Th ed., Vol. 15, Cols. 180–182.

17. Per una discussione dettagliata della data della distruzione della biblioteca, vedere Ellens, Alessandria, PP. 6– 12, 50–51; e il trattamento superbamente oggettivo e approfondito del processo di scomparsa della biblioteca di Mostafa El-alimonti, Vita e destino di antica biblioteca di Alessandria (Parigi: UNDP/UNESCO, 1990), PP. 145–179. Vedi anche Gibbon, Declino e caduta, Vol. 1, PP. 57–58, e vol. 2, CHAP. 28 (la distruzione della biblioteca); e Parsons, Biblioteca Alessandrina, PP. 411–412.

18. Shubert, "Origini orientali,"p. 144, in cui si fa riferimento al decimo secolo E.V.. Volume greco bizantino chiamato il Lessico Suidas. Questo lessico cita il nome completo della Pinakes e descrive la sua dimensione come 120 pergamene. CF. Ellens, AlexandriA, p. 3; e F. J. Spiritoso, "Le Pinakes di Callimaco,” Libreria trimestrale 28 (1958), p. 133.

19. Lessico Suidas; Tzetzes, come citato in El-alimonti, Vita e destino, p. 101. Vedi anche Shubert, "Origini orientali,"p. 144; e spiritoso, "Pinakes di Callimaco".

20. Shubert, "Origini orientali,"p. 144. È interessante a questo proposito che Anne Holmes ("La Biblioteca Alessandrina,” Libri 30 [Dicembre 1980], p. 21) suggerisce che la Pinakes potrebbe essere stato un elenco di autori e libri che Callimachus voluto acquisire per la biblioteca, piuttosto che un catalogo di partecipazioni di libreria esistente. Ciò è improbabile a causa del materiale bibliografico e critico dettagliato incorporati in ogni voce, compresa l'indicazione che il libro è stato acquistato da un'altra origine di libreria o confiscato da qualche viaggiatore. Lionel Casson ("Trionfi dal primo Think Tank di antico mondo,” Smithsonian 10 [Giugno 1985], p. 164) che sollecita il Pinakes in teoria era solo un'enciclopedia della storia letteraria greca. In tal caso, ci si chiede perché è stato chiamato il Pinakes, collegandolo con le piastrelle che designa le categorie di vani portaoggetti e il loro contenuto.

21. El-alimonti, Vita e destino, p. 100; e Parsons, Biblioteca Alessandrina, p. 211. Vedi anche Stefano. Sandys, Una storia della classica borsa di studio (Cambridge, REGNO UNITO: Cambridge Univ. Stampa, 1906–1908), p. 34 n. 3.

22. Parsons, Biblioteca Alessandrina, PP. 217–218.

23. Parsons, Biblioteca Alessandrina, PP. 110, 204–205. Vedi anche El-alimonti, Vita e destino, PP. 95, 100; e Tzetzes, uno studioso del XII secolo cui Prolegomena ad Aristofane, conosciuto anche come Scholium Plautinum, può essere trovato in R. Pfeiffer, Storia di Classica borsa di studio (Oxford: Clarendon, 1968), p. 101.

24. El-alimonti, Vita e destino, p. 102.

25. Kathleen Marguerite Lea, "Francis Bacon,"in Enciclopedia Britannica, Macropaedia, 15Th ed., Vol. 2, Cols. 561–566. Vedi anche Catherine Drinker Bowen, Francis Bacon, Il temperamento di un uomo (Boston: Piccolo, Brown, 1963).

26. Gilbert Murray, Una storia della letteratura greca antica (New York: Scribner, 1897), p. 387.

27. Casson, "Trionfi". Le fonti antiche descrivono la somma come 15 talenti, che sarebbe probabilmente superiore $4 milioni oggi.

28. Shubert, "Origini orientali,"pp. 145, 166 n. 8, cita di Galeno Comm. II in Hippocraits Epidem. libri III 239–240, che non ho potuto consultare. Vedi anche J. Platthy, Fonti sulle prime biblioteche greche (Amsterdam: Hakkert, 1968), PP. 118–119; Holmes, "Biblioteca Alessandrina,"p. 290; e Palermo. Fraser, Alessandria tolemaica (Oxford: Oxford Univ. Stampa, 1972), p. 325.

29. Vitruvio, De Architectura 7.6– 8. Vedi anche Parsons, Biblioteca Alessandrina, p. 150; ed El-alimonti, Vita e destino, PP. 105, 111. Vitruvio visse durante il medesimo periodo di Julius Caesar, Philo Judaeus e Gesù Cristo. Egli era un famoso architetto romano, ingegnere e città pianificatore. Il lavoro citato che Ecco un manuale per architetti romani. Il suo stile di architettura e urbanistica è stata in gran parte greca, come ha vissuto all'inizio della fase di stile architettonico romano creativo, e il suo lavoro è fortemente influenzato arte rinascimentale, architettura e ingegneria. Plinio il vecchio in prestito pesantemente da Vitruvio nella preparazione del suo Storia naturale. Come era tipico del mondo antico, Plinio non cita le sue fonti e credito Vitruvius. De Architectura contiene dieci libri su materiali da costruzione, Disegni greci nella costruzione del tempio, edifici privati, pavimenti e decorazione a stucco, idraulica, orologi, capacità di misurazione, astronomia, e motori civili e militari. Egli è stato classicamente ellenistico nella sua prospettiva.

30. Parsons, Biblioteca Alessandrina, p. 152; Vedi anche p. 229, dove Parsons, citando una lettera da Thomas E. Pagina di James Loeb, dichiara che "ma per il patrocinio dei Tolomei e il lavoro degli studenti dedicati al Museo, Homer... potrebbe avere interamente perirono, e noi potremmo sapere nulla di Eschilo...Abbiamo ancora Alessandria un debito grande." Murray (Letteratura, p. 388) osservazioni, Zenodoto", Callimaco [SIC], Eratostene, Aristofane di Bisanzio, e Aristarco erano i primi cinque bibliotecari; quale istituzione ha mai avuto tale fila di giganti a capo?”

31. A questo proposito vedere, ad esempio, Alan Segal, Due poteri in cielo, I primi rapporti rabbinici sul cristianesimo e gnosticismo (Leiden: Brill, 1977); Maurice Casey, Dal profeta ebraico Dio Gentile, Le origini e lo sviluppo della cristologia del nuovo testamento (Louisville: Westminster/John Knox, 1991); Jarl Fossum, Il nome di Dio e l'angelo del Signore, Samaritano e concetti ebraici di intermediazione e l'origine dello gnosticismo (Tübingen: Mohr, 1985); Gabrielle Boccaccini, Medio Giudaismo, Pensiero ebraico, 300 SEMPLIFICANDOSI A.C.-200. (Minneapolis: Fortezza, 1991).

32. Philo Judaeus, Le opere di Philo, Trans. ADELISA. Yonge (Peabody, MA: Hendrickson, 1993). Vedi anche Harry A. Wolfson, Philo, 2 vols. (Cambridge, MA: Harvard Univ. Stampa, 1947).

33. Alcuni studiosi si domanda se c'era davvero una scuola catechetica formale fin dal secondo secolo, piuttosto che appena indipendenti insegnanti; vedere Roelof van den Broek, "I cristiani 'scuola' di Alessandria nel secondo e terzo secolo,"in Centri di apprendimento: Apprendimento e posizione in Europa pre-moderna e del vicino Oriente, ed. JW. Drijvers e Agosta. MacDonald (Leiden: Brill, 1995). La preponderanza di prova, Tuttavia, fortemente indica che c'è stato uno; vedere W.H.C. Frend, L'ascesa del cristianesimo (Philadelphia: Fortezza, 1984), p. 286; Storia ecclesiastica di Eusebio' (Grand Rapids: Baker, 1955), PP. 190–191, 217–255; Schaff e Wace, EDS., Il Nicene e padri Post-Nicene, 2ND ser., Vol. 1 (Grand Rapids: Eerdmans, 1952), PP. 224–226, 249–281; e G. Bardy, "Aux origines de l'Ecole Alessandria,” Reserches de Science Religieuse 27 (1937), PP. 65– 90.

34. Frend, Ascesa del cristianesimo, p. 286.

35. Storia ecclesiastica di Eusebio', p. 190. Vedi anche Annewies van den Hoek, "Come fu alessandrino Clemente di Alessandria? Riflessioni su Clemente e il suo Background alessandrino,” HeyJ31 (1990), PP. 179–194.

36. Ernst Wilhelm Bentz, "Il cristianesimo,"in Enciclopedia Britannica, Macropaedia, Vol. 4, col. 498.

37. Frend, Ascesa del cristianesimo, p. 286.

Lascia un commento