Amphipolis.gr | 10 Fatti interessanti che probabilmente non sapeva di Alessandro Magno e il suo esercito

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_3

Che abbiamo harped su come antichi spartani si vantava di rigorosa disciplina essere instillato in loro Volkssturm. Ma c'era un altro Regno greco 'minore' alla periferia settentrionale della Grecia classica, che alla fine è riuscito a rendere le sue affermazioni alla conquista di mondo che nessun altro 'civilizzato' greco città-stato potrebbe mai vantarsi di. Naturalmente stiamo parlando di antichi macedoni, e come hanno condotto le loro leggendarie campagne militari intorno alla maggior parte del mondo conosciuto – tutto sotto la guida brillante di Alexander III di Macedonia (or Aléxandros ho Mégas). Così, senza ulteriori indugi, Cerchiamo di controllare fuori dieci fatti sorprendenti che probabilmente non sapeva di Alexander il grande e il suo esercito incredibile.

1) Maggior parte dei macedoni iniziati come poveri pastori, fino ad Alessandro di padre li – addestrato

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_1

In precedenza avevamo parlato il grandi guerre della Grecia e Persia. E in mezzo a tali ambiti disastrosi e gesta eroiche, Macedonia è rimasto un ristagno relativamente poco importante per la situazione geo-politica maggiore – principalmente a causa della sua minore importanza strategica (nel nord). Infatti, le origini apparentemente modeste del cosiddetto stato macedone è avvolta nell'oscurità, con la maggior parte della popolazione della terra, pastori rurali nel v secolo A.C.. A tale proposito, la maggior parte dei Greci a sud urbanizzati considerato i macedoni abitanti essendo semi-barbarie che vivevano ai margini del mondo civile allora conosciuto.

Tuttavia, dalle successive guerre del Peloponneso (combattuto tra Sparta e Atene) nella parte successiva del v secolo A.C., Re macedone avevano già iniziato a progetti pubblici di impresa che ha migliorato l'economia del paese. Ma era il grande Philip II (Padre di Alexander) Chi ha iniziato il suo Regno da 359 BC, e ha fatto le riforme militari incredibile che doveva trasformare la Macedonia in una futura superpotenza. Una delle caratteristiche più famose di queste riforme fu l'evoluzione di oplita greco in falange – uno stratagemma militare che ha sottolineato la migliore formazione di esercito sopra prodezze di un soldato (una tattica classica alla fine masterizzata da dopo i Romani). E abbastanza interessante, Philip stesso è stato ispirato dai successi militari tebana del IV secolo, in contrasto con il 'pedigree' dei rinomati ateniesi e spartani; e aveva anche grandi piani per invadere la Persia (prima di essere assassinato).

In ogni caso, Il contributo immenso di Philip allo stato macedone organizzato e relativi militari era stati accennati – anche durante la sua vita, Quando contemporanei storico Teopompo affermò "Europa mai prima aveva prodotto un uomo come Philip".

2) Disciplina macedone era così severo che ha anche proibito di prendere bagni caldi –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_2

La falange come formazione richiesto disciplina e tenacia da ciascuno del suo soldato occupante – con un aneddoto storico da Polieno (un autore macedone II secolo) relative a come Philip fatto suoi uomini marzo sopra 30 miglia in un solo giorno, con tutte le loro armi e armatura. Il mantenimento di tali metodi militare brutale certamente necessaria rigorosi gradi di perforazione e di autocontrollo. A tal fine, uno scenario specifico coinvolto un alto ufficiale di cavalleria tarantina (Forse provenienti da una potente città greca sulla costa occidentale d'Italia) senza tante cerimonie, che è stata spogliata del suo rango di balneazione solo in acqua calda.

È stato il motivo abbastanza semplice (secondo Polieno)-

... .for lui non ha capito il modo dei macedoni, tra i quali non c'è nemmeno una donna che ha appena partorito bagna in acqua tiepida.

E come se le misure drastiche non erano abbastanza, ogni truppa della falange dovuto personalmente portare pesanti disposizioni per almeno 30 giorni durante le campagne (una pratica che è stata anche adottata dalle legioni romane successive). Inoltre, la mobilità e l'autosufficienza dell'esercito è stato sostanzialmente aumentato diminuendo il numero dei servi (o campo dei seguaci) – che è stato ridotto a uno per ogni dieci uomini.

3) Alexander aveva un gruppo di 200 'compagni personali' oltre la rinomata cavalleria dei compagni –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army

Mentre Filippo perforato in modo efficace i macedoni in un'incredibile forza di combattimento, Alexander (il grande) dotato del suo esercito ereditato con un'aria di maestà e di magniloquenza. Uno degli aspetti evidenti di questa natura ritzy era l'induzione della cavalleria pesante scossa in una forza principalmente greca che tradizionalmente non era noto per le sue tattiche di cavalleria. Conosciuto come eteri o 'Compagni', questi cavalieri sono stati generalmente derivati dall'aristocrazia macedone e nobiltà. Tuttavia, Alexander il grande ha fatto un passo ulteriore incorporando un altro nucleo di 'compagni' all'interno di questo gruppo già d'elite. Questi uomini scelti erano noto anche come amici personali del re – secondo molte fonti antiche.

A tal fine, i compagni personali ha accolto il vero significato della parola – accompagnando Alexander in vari scenari, che si tratti nel fitto della battaglia o durante le sessioni di caccia ricreativa. Infatti, Fascino di Alexander con la propria fratellanza militare formata era così grande che egli stesso spesso vestito l'uniforme di un reggimento di cavalleria Companion. Ora, naturalmente, tali abbigliamenti ufficiale-come 'normali' erano indossati solo durante i periodi di pace (e pianificazione), e sono stati fuggiva a favore di abiti elaborati durante battaglie reali.

4) Falange famoso di Alexander era in realtà composto da relativamente luce-corazzato fanti –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_4

Ancora una volta, secondo il racconto degli Polieno di addestramento militare macedone, il Fanti della falange sono stati forniti con caschi (kranos), scudi di luce (Pelta), Greaves (knemides) e una picca lunga (Sarissa). Così come possono essere raccolte da questa piccola lista di articoli, l'armatura è vistosamente mancante. E anche dopo 100 anni della morte di Alessandro, Ci sono conti di esercito falange degli Stati suo successore andando senza sistemi di armatura. Da tali fonti letterarie, un'ipotesi può essere messo in avanti – gli eserciti greci e macedoni totalmente rinunciato il loro pesante corazza di bronzo, e invece ha optato per linothorax, un'armatura leggera composto da strati incollati di lino.

È interessante notare che, uno dei conti di Polieno comportano come Alexander stesso armati gli uomini che precedentemente erano fuggito il campo di battaglia con un hemithorakion – mezza armatura che solo coperto la parte anteriore del corpo, modo che i soldati non voltano le spalle al nemico. In ogni caso, Corsetti metallici sarebbero stato inutile per le truppe nei ranghi posteriori di una falange ben custodito – un vantaggio tattico che deve sono stati accolti dai comandanti antichi che erano generalmente di breve durati in fondi e attrezzature.

5) Fanteria "non pagata" di Alexander ha viaggiata più di 20,870 miglia sulla sua campagna asiatica –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_5

In precedenza nell'elenco, Avevamo parlato circa come severe disciplina era parte integrante dell'esercito macedone di Alessandro, una qualità che raramente è stato visto in altre culture antiche di prossime. Un'estensione di questa disciplina intrinseca può essere compresa da loro gesta sbalorditive. A tal fine, secondo un calcolo effettuato dallo storico Theodore Ayrault Dodge, i fanti che avevano aderito Alexander nel 336 BC e intraprese la sua campagna di Asia-associazione, aveva viaggiato più di 20,870 miglia (or 33,400 km) per il momento Alexander spirò in Babilonia (in 323 BC). Così, su una media, ognuno di questi uomini aveva coperto un impressionante 1,605 miglia (or 2,570 km) all'anno! E, quando tradotto in termini georgraphical, molti veterani macedoni avrebbe potuto rivendicare ad attraversare una moltitudine di fiumi tra cui il Nilo (in Egitto), Euphrates e Tigris (in Iraq), Oxus (in Tagikistan), Syr-Darya (in Uzbekistan) e l'Indo (in Pakistan).

Dovrebbe anche essere notato che più probabilmente re macedone non sviluppano qualsiasi mezzo effettivamente pagare le loro forze militari. Così, parte di questa difficile situazione monetaria è stato risolto consentendo ai soldati di prendere parte a saccheggi che spogliando le città nemiche di solito coinvolti. Ma anche in tali casi, i fanti sono stati sempre dato una parte di gran lunga minore del 'bottino' rispetto ai loro omologhi di cavalleria.

5) L'esercito di Alessandro costruito un percorso improvvisato sul mare solo per efficacemente d'assedio la città-isola del pneumatico in 332 BC!

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_6

Nel grande schema delle cose, il assedio di tiro potrebbe essere stato che un incidente minore in Alexander è brillante (ancora breve) carriera come un conquistatore. Ma l'incontro in sé dimostrato come Alexander era uno stratega incredibilmente paziente – che era in netto contrasto con la sua avventatezza vizioso nel campo di battaglia (come è stato evidente dalle formazioni di cavalleria macedone Cuneo dove Alexander si pose all'avanguardia della 'lancia'). In ogni caso, Pneumatico è stato un importante e quasi impenetrabile polo commerciale, in virtù della sua posizione di 'isola' e difese enorme muro – che sono stati 50 FT alta in alcuni luoghi, secondo lo storico Arriano! Così, Alexander ha cercato di contrastare affascinante ambito difensivo della città ordinando in realtà il suo esercito per costruire strade rialzate (o le talpe) sopra il mare che porterebbe direttamente allo stabilimento isola.

Le forze d'invasione greche sono riuscito a costruire (e perfino espandere) una strada rialzata dalle macerie, rocce e legno anche essere recuperato dalla vecchia città abbandonata di tiro che originariamente si trovava lungo la costa. Questo causeway divenne teatro di un feroce incontro con torri d'assedio greco prendendo l'urto del contropiede grassetto dalle forze basate su pneumatici. Tuttavia, entro pochi giorni, Alessandro era in grado di assemblare un'ampia flotta di navi che in definitiva ha catturato pneumatico di sorpresa – così che conduce lo speronamento e violazione di una piccola sezione delle mura della città. Questa innovazione tattica fatta pneumatico senza tante cerimonie arrendersi, soprattutto dopo essere stato brutalmente aggredito dalla fanteria d'Elita macedone indurita (conosciuto anche come ipaspisti). E nelle conseguenze che ne derivano, si dice che oltre 6,000 abitanti furono massacrati dalle forze di Alexander (con 2,000 essendo crocifisso), mentre un ulteriore 30,000 persone vennero venduti come schiavi.

6) Brutali punizioni nell'esercito di Alessandro hanno incluso essere calpestato da elefanti –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_7

Una maggiore disciplina non era l'unico fattore che separava l'esercito macedone dalle forze del greci contemporanei; Falangiti di Alexander anche dovevano sopportare più severi provvedimenti disciplinari a causa del loro status privilegiato nell'esercito. A tale proposito, ufficiali di cavalleria erano spesso puniti più severamente rispetto alle loro controparti di fanteria – con azioni (come fustigazione) prese per reati minori che vanno dal bagnarsi in acqua calda a invitanti flauto-ragazze nell'accampamento.

Tuttavia gravi reati come ammutinamenti spesso provocato condanne a morte, dato nientemeno che Alessandro stesso. In alcuni casi, i trasgressori sono stati messi a morte lanciando pietre e giavellotti a loro. In altri casi, sono state intraprese misure più truce – come lanciare i prigionieri in un fiume con strette catene vincolanti i loro corpi. Tuttavia, un episodio particolare della punizione si distingue (come detto da Quinto Curzio Rufo), Quando successori di Alexander (solo dopo la sua morte) ordinato alcuni 300 ammutinati per essere calpestato sotto i piedi degli elefanti – e che troppo nella parte anteriore di tutto l'esercito.

8) Alexander stesso potrebbe avere avuto un disturbo delirante –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_8

Mentre non sono presenti argomenti contro Alexander essendo uno dei più grandi strateghi militari e leader nella storia, l'uomo stesso ha sofferto apparentemente da manie di grandezza durante le diverse fasi della sua vita. Uno dei motivi principali per questo modello comportamentale Dio orientato al complesso potrebbe essere stato dovuto l'effetto psicologico della sua madre Olympia durante l'infanzia di Alexander. Ha affermato apertamente che Alexander era il figlio di Zeus, dopo presumibilmente sognando che suo grembo è stato colpito da thunder. Questa teoria straordinaria a quanto pare è stato anche 'dimostrata' di Alexander da uno degli oracoli di Amon a Siwa, Egypt. Di conseguenza, Alexander ha cominciato seriamente identificarsi come figlio della divinità Zeus-Ammone – come è evidente da alcuni monete d'argento antiche che raffigurano Alexander armati con un fulmine.

Alexander il grande ha visto anche se stesso di essere al legittimo successore agli imperatori achemenidi leggendari dopo suo esercito macedone ha conquistato la lunghezza e il respiro dell'antico Regno persiano. Tali successi impressionanti ma d'influenzare a sua volta alimentato Alexander per ristabilire molti costumi persiani, come vestirsi nell'abbigliamento persiano royal e il sostegno della Proskynesis. Questa pratica di cui quest'ultima ha comportato l'atto tradizionale persiano di inchinandosi o voi se stessi prostrarsi davanti a una persona di rango più elevato. Basti dire, i greci 'democratici' erano contrari a tale nozione, e come tali sono stati alienati da molte delle decisioni megalomane di Alexander.

9) Alexander era un musicista esperto e polemista; ma è stato anche dipendente da alcol –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_9

Secondo Plutarco, all'età di dieci anni, Alexander era già abbastanza esperto nel suonare la lira, discutendo e recitando anche – che a volte sono state eseguite davanti agli ospiti del padre. Infatti, musica e poesia ha continuato a ispirare Alexander anche durante la sua vita – come ha fatto il consumo di prodigiosa quantità di alcol. A tal fine, bere e fare festa è venuto tutto naturale per il giovane generale macedone, soprattutto durante le sue campagne estese e battute di caccia.

Una particolare incidente legate alla propensione di Alexander per la 'festa' ancora una volta viene dall'account di Plutarco, dove il noto autore continua a descrive il comportamento cosiddetto Baccanale dell'esercito macedone. Egli cita come Alexander e il suo esercito stava tornando attraverso Balochistan dopo la loro disastrosa campagna indiana – e i soldati in questa processione hanno preso parte in ogni forma di eccesso e decadenza. Alexander stesso era seduto su una pedana alta circondata dai suoi compagni – tutti avvolti in fiori e divertirsi calici di vino; mentre questa enorme piattaforma lentamente è stata disegnata da otto cavalli. Come Plutarco ha continuato

Non uno scudo doveva essere visto, non un casco, non una lancia, ma lungo la marcia intera con coppe e corni bere e i fiaschi i soldati mantenuto vino da enormi botti e ciotole di miscelazione di immersione e costituzione in pegno di uno altro, alcuni come hanno marciato lungo, altre persone che si trovano giù; mentre flauti e tubi, strumenti a corda e canzone, con baldoria grida di donne, riempite ogni luogo con abbondante musica. Poi, su questa disordinata e straggling processione c'è seguito anche gli sport di licenza Baccanale, come se Bacco stesso erano presenti e conducendo il revel. Inoltre, Quando è venuto a Palazzo reale di Gedrosia, ha ancora una volta ha dato il suo tempo di esercito per resto e tenuto alta festival. Ci viene detto, troppo, che egli era una volta visualizzato alcuni concorsi in canti e balli, essendo ben riscaldata con vino, e che il suo preferito, Bagoas, ha vinto il premio per il canto e la danza, E poi, tutto nella sua matrice festal, passati attraverso il teatro e prese il suo seggio al fianco di Alexander; a vista di cui i macedoni batterono le mani e disse ad alta voce il re bacio victor, fino a quando finalmente gettò le braccia su di lui e lo baciò teneramente.

10) C'è una città in Pakistan che è stato originariamente intitolato a cavallo di Alexander!

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_10

Dato le sue manie di grandezza e la tendenza a divinizzare se stesso, Alexander si stima che hanno battezzato intorno 70 insediamenti (dall'Africa all'Asia) dopo il proprio nome. La fiorente città di odierna Alessandria d'Egitto si erge come un testamento a questo modello di personalità-Promozione. Tuttavia, Ossessione di Alexander con i suoi successi invidiabile è andato oltre il proprio nome, includere anche il suo cavallo preferito – Bucefalo. Subito dopo, Alexander nominato uno degli insediamenti in (presente) Pakistan come Alessandria Bucephalous o Bucephala, per commemorare il suo amato cavallo che fu ferito mortalmente nella battaglia di Hydaspes a fatica 326 BC.

Come se spesso il caso, gli storici non sono ancora sicuri della posizione esatta di questo insediamento – con alcuni ipotizzando la sua posizione per essere intorno al fiume di Jhelum, e alcuni ipotizzando la sua posizione per essere lungo una strada che collegava Taxila di Jhelum (in quest'ultimo caso, gli abitanti di Phalia talvolta sostengono il nome originale del loro insediamento essere Bucephala).

Menzione d'onore –
Alexander aveva due occhi di colore diversi –

Facts_Alexander_the_Great_Macedonian_army_11

Maggior parte dei conti di Alexander dipingerlo come avendo una pelle chiara che ha trasformato rubiconda a causa di una campagna militare estesa durante la maggior parte della sua vita successiva. Aveva anche un volto ben rasato (così facendo di lui stare fuori dal solito barbuti macedoni), e probabilmente ha posseduto un corpo piuttosto corto e tozzo, con un collo leggermente contorto e una voce dura. Tuttavia, Storico greco Arriano aggiunto un altro aneddoto affascinante dicendo che Alessandro aveva uno blu come il cielo e "un occhio scuro come la notte." Storici successivi (vale a dire Peter Green) hanno convenuto di questa osservazione, suggerendo così che Alexander potrebbe avere una condizione nota come eterocromia iridum. E, Aggiunto a tutti questi attributi fisici, Alexander può anche millantato di odore piacevole corpo – come è chiaramente indicato nella "vite dei nobili greci e romani di Plutarco,"scritti 400 anni dopo la morte di Alessandro.

http://www.Hexapolis.com

Lascia un commento