Amphipolis.gr | Arte greco-buddhista

Arte greco-buddhista è la manifestazione artistica di Greco-Buddhism, culturale sincretismo tra il Greco classico cultura e Buddismo, che si è sviluppato in un periodo di vicino a 1000 anni in Asia centrale, tra le conquiste di Alessandro il grande nel IV secolo A.C., e il Conquiste islamiche del VII secolo D.C.. Arte greco-buddhista è caratterizzata dal forte realismo idealistico e sensuale descrizione di Arte ellenistica e le prime rappresentazioni del Buddha in forma umana, che hanno contribuito a definire l'artistico (e in particolare, scultorea) Canon per arte buddhista in tutto il continente asiatico fino ad oggi. È anche un forte esempio di culturale sincretismo tra le tradizioni orientali e occidentali.

Le origini dell'arte Greco-Buddhista si trovano nell'ellenistica Regno greco-battriano (250 BC- 130 BC), Situato nell'odierno Afghanistan, da quale cultura ellenistica irradiato nella Subcontinente indiano con l'istituzione del Regno indo-greco (180 BC-10 A.C.). Sotto il Indo-Greci e poi il Kushan, l'interazione di cultura greca e buddhista fiorì nella zona di Gandhara, nell'odierno nord Pakistan, prima di diffondere ulteriormente in India, influenzando l'arte di Mathura, e poi il Hindu arte della Impero di Gupta, che è stato estendere al resto del sud-est asiatico. L'influenza dell'arte Greco-buddhista che si diffuse anche verso il nord verso Asia centrale, fortemente che interessano l'arte della Bacino del Tarim, e, infine, le arti della Cina, Corea, e Giappone.

Arte ellenistica in Asia del sud

Silver coin depicting the Greco-Bactrian king Demetrius I (200-180 BC) indossa un scalpo di elefante, simbolo della sua conquista dell'India. Indietro: Herakles, tenendo un leone in pelle e un club a riposo sopra il braccio. Il testo recita:: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΔΗΜΗΤΡΙΟΥ - BASILEŌS DĒMĒTRIOU "of King Demetrius".
Argento moneta raffigurante la Greco-battriano Re Demetrio mi (200-180 BC) indossa un scalpo di elefante, simbolo della sua conquista dell'India. Indietro: Herakles, tenendo un leone in pelle e un club a riposo sopra il braccio. Il testo recita:: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΔΗΜΗΤΡΙΟΥ – BASILEŌS DĒMĒTRIOU “del re Demetrio”.

Potenti stati ellenistici sono stati stabiliti nelle zone di Battria e Sogdiana, e poi l'India del Nord per tre secoli dopo le conquiste di Alessandro il grande intorno 330 BC, il Seleucide Impero fino al 250 BC, seguito dalla Regno greco-battriano fino al 130 BC, e il Regno indo-greco Da 180 BC ad intorno 10 BC.

Gli esempi più evidenti dell'arte ellenistica si trovano in monete della Greco-battriano Re del periodo, such as Demetrio I di Battria. Molte monete del re Greco-battriano sono state rinvenute, tra cui il più grande argento e oro monete mai coniate nel mondo ellenistico, classifica tra i migliori della raffinatezza artistica e tecnica: essi “mostrano un grado di individualità mai eguagliata dalla spesso più blando descrizioni dei loro contemporanei royal più a ovest”. (“Grecia e il mondo ellenistico”).

Questi regni ellenistici stabilito città sul modello greco, così come in Ai-Khanum in Battria, visualizzazione di caratteristiche architettoniche prettamente ellenistici, Statuario ellenistico, e resti di Aristotélicienne stampe di papiro e orde di moneta.

Bere vino e musica (Detail from Chakhil-i-Ghoundi stupa, Hadda, 1St-II secolo D.C.).
Bere vino e musica (Dettaglio da Chakhil-i-Ghoundi stupa, Hadda, 1St-II secolo D.C.).

Questi elementi greci penetrarono in India nordoccidentale a seguito dell'invasione della Greco-battriani in 180 BC, Quando hanno stabilito il Regno indo-greco in India. Città greche fortificate, such as Sirkap nel nord del Pakistan, sono stati stabiliti. Motivi decorativi ellenistico di stili architettonici utilizzati come ghirlanda di frutta e pergamene. Tavolozze di pietra aromatici oli che rappresentanti temi puramente ellenistici come un Nereide cavalcando un KETOS mostro marino si trovano.

In Hadda, Divinità ellenistica, such as Atlas sono trovati. Divinità del vento sono raffigurati, che interesserà la rappresentazione delle divinità del vento fino a Giappone. Scene dionisiaca rappresentano persone in stile classico, bere vino da anfore e suonando strumenti.

Interazione

Non appena i greci invasero l'India per formare il Regno indo-greco, una fusione di Hellenistic e gli elementi buddista ha iniziato ad apparire, incoraggiato dalla benevolenza dei re greci verso il buddismo. Questa tendenza artistica, poi sviluppato per diversi secoli e sembrava fiorire ulteriormente durante la Impero Kushan dai secolo D.C..

Modello artistico

An Indo-Corinthian capital with the Buddha at its centre, 3-4secolo del Th, Gandhara.
Un Capitale Indo-corinzio con il Buddha al centro, 3-4secolo del Th, Gandhara.

Arte greco-buddhista raffigura la vita di Buddha in maniera visiva, probabilmente incorporando i reali modelli e concetti che erano disponibili agli artisti del periodo.

Il Bodhisattva sono raffigurati come principi indiani a torso nudo e gemmati, e il Buddha come re greci indossando la luce toga-come himation. Gli edifici in cui essi sono raffigurati incorporano stile greco, con l'onnipresente Capitelli Indo-corinzio e greci rotoli decorativi. Divinità circostanti formano un pantheon greco (Atlas, Herakles) e divinità indiana (Indra).

Materiale

Stucchi, così come la pietra è stato ampiamente utilizzato dagli scultori in Gandhara per la decorazione di edifici monastici e culto. Stucco fornito dell'artista con un mezzo di grande plasticità, consentendo un elevato grado di espressività da dare alla scultura. Scultura in stucco era popolare ovunque buddismo diffuso da Gandhara – India, Afghanistan, Asia centrale e Cina.

Evoluzione stilistica

Stilisticamente, Arte greco-buddhista, iniziato da essere estremamente raffinato e realistico, evidente come il Buddha in piedi su, con “un trattamento realistico delle pieghe e su alcuni addirittura un accenno di volume modellato che caratterizza il lavoro migliore greco” (Boardman). Ha poi perso questo sofisticato realismo, diventando progressivamente più simbolico e decorativo nel corso dei secoli.

Architettura

La presenza di stupa la città greca di Sirkap, che è stato costruito da Demetrius intorno 180 BC, già indica un forte sincretismo tra ellenismo e il Fede buddista, insieme ad altre religioni come Induismo e Zoroastrismo. Lo stile è greco, ornata Colonne corinzie eccellente esecuzione ellenistico.

The Titan Atlas, sostenere un monumento buddista, Hadda.
Il Titan Atlas, sostenere un monumento buddista, Hadda.

Più tardi nel Hadda, le divinità greche Atlas è rappresentata tenendo Monumenti buddisti con colonne greche decorate. Il motivo è stato ampiamente adottato in tutto il sub-continente indiano, Atlas è sostituita da indiano Yaksa nei monumenti della Sunga intorno al II secolo A.C..

Buddha

One of the first representations of the Buddha, 1St-II secolo D.C., Gandhara, Pakistan: In piedi di Buddha (Museo Nazionale di Tokyo).
Una delle prime rappresentazioni della Buddha, 1St-II secolo D.C., Gandhara, Pakistan: In piedi di Buddha (Museo Nazionale di Tokyo).

Tra il II secolo A.C. e il i secolo D.C., prime rappresentazioni antropomorfiche del Buddha sono state sviluppate. Questi erano assenti da strati precedenti di arte buddista, che ha preferito a rappresentare il Buddha con simboli come lo stupa, l'albero della Bodhi, il posto vuoto, la ruota, o le impronte. Ma l'immagine di Buddha antropomorfo innovativo immediatamente raggiunto un altissimo livello di sofisticazione scultorea, Naturalmente ispirato dagli stili scultorei della Grecia ellenistica.

Molti degli elementi stilistici nelle rappresentazioni del punto Buddha-greco influenza: Greco himation (una luce toga-come veste ondulata che copre entrambe le spalle: Buddista caratteri sono sempre rappresentati con un dhoti perizoma prima di questa innovazione), il Halo, il contrapposto posizione delle figure in posizione verticale, stilizzata Mediterraneo capelli ricci e top-nodo apparentemente derivata dallo stile della Apollo del Belvedere (330 BC), e la qualità misurata dei volti, tutti resi con forte artistici realismo (Vedere: Arte greca). Alcuni del Buddha in piedi (come quella nella foto) furono scolpiti con la specifica tecnica greca di mani e a volte i piedi in marmo per aumentare l'effetto realistico, e il resto del corpo in un altro materiale.

Foucher considerato soprattutto ellenistica Buddha in piedi come “la più bella, e probabilmente il più antico dei Buddha”, assegnandoli ai secolo A.C., e che li rende il punto di partenza delle rappresentazioni antropomorfiche del Buddha (“L'arte buddista di Gandhara”, Marshall, p101).

Sviluppo

The Bimaran casket, che rappresenta il Buddha, datata intorno 30-10 BC. British Museum.
Il Scrigno di Bimaran, che rappresenta il Buddha, datata intorno 30-10 BC. British Museum.

C'è un certo dibattito per quanto riguarda la data esatta per lo sviluppo della rappresentazione antropomorfa del Buddha, e questo ha un cuscinetto su se l'innovazione è venuto direttamente dalla Indo-Greci, o era uno sviluppo successivo del Indo-sciti, il Indo-parti o il Kushan sotto l'influenza artistica ellenistica. Maggior parte delle prime immagini del Buddha (soprattutto quelli del Buddha in piedi) sono anepigrafi, che lo rende difficile avere una datazione certa. È l'immagine conosciuta più in anticipo del Buddha con indicazioni approssimative data la Scrigno di Bimaran, che è stato trovato sepolto con monete del re Indo-scita Azes II (o forse Azes I), che indica un 30-10 Data BC, anche se questa data non è undisputed.

An Indo-Corinthian capital from the Butkara Stupa under which a coin of Azes II was found. Datato al 20 BC o precedente (Torino città museo d'arte antica).
Un Capitale Indo-corinzio dal Stupa di Butkara sotto quale moneta di Azes II è stato trovato. Datato al 20 BC o precedente (Torino città museo d'arte antica).

Tale datazione, così come il generale stile ellenistico e l'atteggiamento del Buddha sulla bara Bimaran (himation abito, contrapposto atteggiamento, rappresentazione generale) avrebbe fatto un lavoro possibile Indo-Greco, utilizzato nelle dediche di Indo-sciti, subito dopo la fine del dominio Indo-Greco nella zona di Gandhara. Poiché già Visualizza una sofisticato iconografia (Brahma e Śakra come assistenti, Bodhisattva) in stile avanzato, suggerirei di che molto precedenti rappresentazioni del Buddha erano già attuale di quel tempo, Tornando alla regola della Indo-Greci (Alfred A. Foucher and others).

I risultati di Greco-Buddhista successivi per essere rigorosamente databili sono piuttosto tardi, ad esempio il c.AD 120 Scrigno di Kanishka e Kanishkas monete buddista. Queste opere almeno indicano però che la rappresentazione antropomorfa del Buddha era già esistente nei secolo D.C..

Fresco describing Emperor Han Wudi (156-87 BC) adorare due statue del Buddha, Grotte di Mogao, Dunhuang, c.8th secolo D.C.
Affresco che descrive imperatore Han Wudi (156-87 BC) adorare due statue del Buddha, Grotte di Mogao, Dunhuang, c.8th secolo D.C.

Da un'altra direzione, Fonti storiche cinesi e dipinti murali nella Bacino del Tarim città di Dunhuang descrivere con precisione i viaggi dell'esploratore e ambasciatore Zhang Qian A Asia centrale per quanto riguarda Battria intorno 130 BC, e la stessa murales descrivono l'imperatore Han Wudi (156-87 BC) adorare statue buddiste, spiegando loro come “uomini d'oro hanno portato 120 A.C. da un grande Han generale nelle sue campagne contro i nomadi.” Anche se non ci è menzione di Han Wudi adorare il Buddha nella letteratura storica cinese, i murales suggerirebbe che le statue del Buddha erano già in esistenza durante l'II secolo A.C., collegandoli direttamente al tempo degli Indo-Greci.

Più tardi, la cronaca storica cinese Hou Hanshu descrive l'inchiesta sul buddismo fatto intorno AD 67 dall'imperatore Imperatore Ming (ANNUNCIO 58-75). Egli mandò un inviato per la Yuezhi in India nordoccidentale, Chi ha portato indietro, dipinti e statue del Buddha, confermando la loro esistenza prima di quella data:

“L'imperatore, per scoprire la vera dottrina, mandò un inviato a Tianzhu (天竺, India nord-occidentale) (India nord-occidentale) per informarsi sulla dottrina del Buddha, dopo che quadri e statue [del Buddha] apparso nel Regno di mezzo.” (Hou Hanshu, Trans. John Hill)

Una tradizione Indo-cinese che spiega anche Nagasena, conosciuto anche come Menandrodi maestro buddista, creato in 43 BC nella città di Pataliputra una statua del Buddha, il Buddha di smeraldo, che fu poi portato a Thailandia.

Heracles depiction of Vajrapani as the protector of the Buddha, 2ND secolo Gandhara, British Museum.
Heracles raffigurazione di Vajrapani come il protettore del Buddha, 2ND secolo Gandhara, British Museum.

Nell'arte di Gandhara, il Buddha viene spesso mostrato sotto la protezione del dio greco Herakles, in piedi con il suo club (e poi un bastone di diamante) appoggiato sul braccio.[1] Questa insolita rappresentazione di Eracle è lo stesso di quello sul retro di Demetrio’ monete, ed è associata esclusivamente a lui (e suo figlio Eutidemo II), visto solo sul retro delle sue monete.

Presto, la figura del Buddha fu incorporata all'interno di progetti architettonici, come fregi e colonne corinzie. Scene della vita del Buddha sono tipicamente raffigurati in un ambiente architettonico greco, con protagonista indossando abiti greci.

Dèi e Bodhisattva

The Bodhisattva Maitreya, 2ND secolo, Gandhara.
Il Bodhisattva Maitreya, 2ND secolo, Gandhara.
The Buddhist gods Pancika (sinistra) and Hariti (diritto), 3secolo Rd, Takht-i-Bahi, Gandhara, British Museum.
La divinità buddista Pancika (sinistra) e Hariti (diritto), 3secolo Rd, Takht-i-Bahi, Gandhara, British Museum.

Divinità dal pantheon mitologico greco tendono anche ad essere incorporati nelle rappresentazioni buddista, visualizzazione di un forte sincretismo. In particolare, Herakles (del tipo delle monete Demetrio, con club appoggiata sul braccio) è stato usato abbondantemente come la rappresentazione di Vajrapani, il protettore del Buddha.[2] Altre divinità greca abbondantemente utilizzato nell'arte Greco-Buddhista sono rappresentazione di Atlas, e il dio greco del vento Boreas. Atlante in particolare tende ad essere coinvolti come un elementi di sostegno in elementi architettonici buddisti. Borea è diventato il Dio giapponese del vento Fujin attraverso il Greco-Buddhista Wardo. La divinità madre Hariti è stato ispirato da Tyche.

Specialmente sotto i Kushan, Ci sono anche numerose rappresentazioni di riccamente decorato, principesca Bodhisattva tutto in stile Greco-Buddhista molto realistico. Il Bodhisattva, caratteristici della Mahayana forma di buddismo, sono rappresentati sotto i tratti di Kushan princes, completato con i loro accessori canonici.

  • Fragment of the wind god Boreas, Hadda, Afghanistan.
    Frammento del Dio del vento Boreas, Hadda, Afghanistan.
  • Gandharan Atalanta
    Gandhara Atalanta
  • Atalante alato.
    Atalante alato.
  • Il Buddha, flanked by Herakles/ Vajrapani and Tyche/ Hariti.
    Il Buddha, fiancheggiato da Herakles/ Vajrapani e Tyche/ Hariti.
  • "Laughing boy" da Hadda
    “Ridere ragazzo” da Hadda
  • Amorini

    Winged Cupids holding a wreath over the Buddha (sinistra:dettaglio), Hadda, 3secolo Rd. Musée Guimet.
    Alato Amorini tenendo una corona sopra il Buddha (sinistra:dettaglio), Hadda, 3secolo Rd. Musée Guimet.

    Amorini alati sono un altro motivo popolare nell'arte Greco-Buddhista. Di solito volano in coppia, possesso di un corona, il greco simbolo della vittoria e della regalità, sopra il Buddha.

    Queste cifre, conosciuto anche come “apsarases” ampiamente sono stati adottati nell'arte buddista, soprattutto in tutta l'Asia orientale, Nel derivato di forme per la rappresentazione di Greco-Buddhista. La progressiva evoluzione dello stile può essere visto nell'arte di Qizil e Dunhuang. Non è chiaro tuttavia se il concetto dell'amorini volanti è stato portato in India da ovest, Se ha avuto un'origine indiana indipendente, Sebbene Boardman considera una donazione classica: “Un altro motivo classico che abbiamo trovato in India è la coppia di figure alate librantesi, generalmente chiamato apsaras.” (Boardman)

    Amorini e ghirlande. Gandhara. 1St-II sec.. Musée Guimet.
    Amorini e ghirlande. Gandhara. 1St-II sec.. Musée Guimet.

    Scene di amorini holding ricco ghirlande, talvolta adornata con frutti, è un altro motivo molto popolare di Gandhara, direttamente ispirato dall'arte greca. A volte si argomenta che l'unica concessione all'arte indiana appaia nella cavigliere indossati dall'amorini. Queste scene ha avuto un'influenza molto ampia, per quanto riguarda Amaravati sulla costa orientale dell'India, dove l'amorini sono sostituiti dalle yakṣas.

    Devoti

    Fregio di Gandhara con devoti, holding plantain leaves, in stile prettamente ellenistico, inside Corinthian columns, 1St-II secolo D.C.. Buner, SWAT, Pakistan. Victoria e Albert Museum.
    Fregio di Gandhara con devoti, Holding Piantaggine foglie, in stile prettamente ellenistico, interno Colonne corinzie, 1St-II secolo D.C.. Buner, SWAT, Pakistan. Victoria e Albert Museum.

    Alcuni fregi Greco-Buddhista rappresentano gruppi di donatori o devoti, dando spunti interessanti sull'identità culturale di coloro che hanno partecipato al culto buddista.

    Alcuni gruppi, spesso descritto come il “Rilievi di Buner,” solitamente datata ai secolo D.C., raffigurano i greci in perfetto stile ellenistico, sia nella postura, rendering, o abbigliamento (indossando il greco chitone e himation). A volte è difficile anche percepire un reale messaggio religioso dietro le quinte. (La scena di devoto a destra potrebbe, con dubbio, raffigurano la presentazione del principe Siddharta alla sua sposa. Potrebbe essere anche solo una scena festosa.)

    Circa un secolo più tardi, fregi raffigurano anche Kushan devoti, solitamente con il Buddha come figura centrale.

    Animali fantastici

    Un Ichthyo-Centauro, 2ND secolo Gandhara, Victoria e Albert Museum.
    Un Ichthyo-Centauro, 2ND secolo Gandhara, Victoria e Albert Museum.

    Varie divinità animale fantastico di origine ellenica sono stati utilizzati come elementi decorativi di templi buddisti, fregi spesso triangolare in scale o davanti gli altari buddisti. L'origine di questi motivi può essere trovato in Grecia nel v secolo A.C., e più tardi nei disegni di vassoi di profumo Greco-battriano come quelli scoperti in Sirkap. Tra i più popolari animali fantastici sono tritoni, Ichthyo-Centauri e KETOS mostri marini. Va notato che gli animali fantastici simili sono presenti nei rilievi Egiziani antichi, e potrebbe pertanto sono stati trasferiti Battria e India indipendentemente dall'imperialismo greco.

    Come fantastici animali del mare, Essi sono stati, nel primo buddismo, dovuto per portare tranquillamente le anime di persone morte al paradiso delle acque. Questi motivi sono stati successivamente adottati in arte indiana, dove hanno influenzato la raffigurazione del mostro indiano Makara, Varunadi montare.

    Contributo di Kushan

    An early Mahayana Buddhist triad. Da sinistra a destra, a Kushan devotee, the Bodhisattva Maitreya, il Buddha, the Bodhisattva Avalokitesvara, e un monaco buddista. 2ND-3 ° secolo D.C., Gandhara.
    Dei primi Mahayana Triade buddista. Da sinistra a destra, A Kushan devoto, il Bodhisattva Maitreya, il Buddha, il Bodhisattva Avalokitesvara, e un monaco buddista. 2ND-3 ° secolo D.C., Gandhara.

    La parte successiva dell'arte Greco-buddhista in India nordoccidentale è associata solitamente con il Impero Kushan. I Kushan erano un popolo nomade che ha iniziato la migrazione dalla Bacino del Tarim in Asia centrale da intorno 170 BC e finì per fondare un impero in India nordoccidentale dal II secolo A.C., dopo aver stato ellenizzato piuttosto attraverso i loro contatti con i Greco-battriani, e più tardi gli Indo-Greci (adottarono la scrittura greca per la scrittura).

    I Kushan, al centro della Via della seta con entusiasmo raccolto opere d'arte da tutti i quartieri del mondo antico, come suggerito dalle orde trovate nella loro capitale nel nord il sito archeologico di Begram, Afghanistan.

    I Kushan sponsorizzato buddismo insieme ad altre fedi iraniano e Hindu, e probabilmente contribuito alla fioritura di arte Greco-Buddhista. Loro monete, Tuttavia, suggerire una mancanza di raffinatezza artistica: le rappresentazioni dei loro re, such as Kanishka, tendono ad essere grezzo (mancanza di proporzione, disegno ruvido), e l'immagine del Buddha è un assemblaggio di una statua di Buddha ellenistico con piedi grossolanamente rappresentato e allargate nello stesso modo come il re Kushan. Questo tende a indicare l'anteriorità delle statue ellenistico Greco-Buddhista, utilizzato come modelli, e una conseguente corruzione di Kushan artisti.

  • Maitreya, con coppia di Kushan devoto. 2ND secolo Gandhara.
    Maitreya, con coppia di Kushan devoto. 2ND secolo Gandhara.
  • Maitreya, con devoti Kushan, destra e sinistra. 2ND secolo Gandhara.
    Maitreya, con devoti Kushan, destra e sinistra. 2ND secolo Gandhara.
  • Maitreya, con indiano (sinistra) e Kushan (diritto) devoti.
    Maitreya, con indiano (sinistra) e Kushan (diritto) devoti.
  • Kushans worshipping the Buddha's bowl. 2ND secolo Gandhara.
    Kushan adorando ciotola del Buddha. 2ND secolo Gandhara.
  • Coppia di Kushan devoto, nei dintorni di Buddha, Brahma and Indra.
    Coppia di Kushan devoto, nei dintorni di Buddha, Brahma e Indra.
  • The "Kanishka casket," with the Buddha surrounded by Brahma and Indra, and Kanishka on the lower part, ANNUNCIO 127.
    Il “Scrigno di Kanishka,” con il Buddha circondato da Brahma e Indra, e Kanishka nella parte inferiore, ANNUNCIO 127.
  • Buddha triade e in ginocchio Kushan devoto coppia. 3secolo Rd.
    Buddha triade e in ginocchio Kushan devoto coppia. 3secolo Rd.
  • Influenze del sud

    Arte dei Sunga

    Balustrade-holding Yaksa with Corinthian columns, Madhya Pradesh (?), Periodo Sunga (2ND-i secolo A.C.). Musée Guimet.
    Balaustra-azienda Yaksa con Corinzio colonne, Madhya Pradesh (?), Periodo Sunga (2ND-i secolo A.C.). Musée Guimet.
    Indian relief of probable Indo-Greek king, with Buddhist triratana symbol on his sword. Bharhut, 2ND secolo A.C.. Museo indiano, Calcutta (disegno).
    Rilievo indiano di probabile Indo-greco Re, con buddista Triratna simbolo sulla sua spada. Bharhut, 2ND secolo A.C.. Museo indiano, Calcutta (disegno).

    Esempi dell'influenza ellenistica o arte Greco-Buddhista l'arte della Impero Sunga (183-73 BC) sono solitamente debole. La religione principale, almeno all'inizio, sembra essere stato Induismo brahmanica, anche se alcune realizzazioni buddista tardi in Madhya Pradesh conosciuto anche come, ad esempio alcune espansioni architettonici che sono stati fatti presso il stupa di Sanchi e Bharhut, originariamente iniziato sotto il re Ashoka.

    Questo periodo Sunga-balustrate-azienda Atalante[Disambiguazione necessaria] Yaksa dal periodo Sunga (sinistra), adotta il Atalante[Disambiguazione necessaria] tema, solitamente soddisfatta da Atlas, ed elementi di Corinzio capitale e l'architettura tipica dei fregi Greco-Buddhista da nord-ovest, anche se il contenuto non sembra essere correlato al buddismo. Questo lavoro suggerisce che alcuni dei fregi Gandhara, influente per questo lavoro, può essere presente già nei secolo A.C. o II secolo.

    Altre opere di Sunga mostrano l'influenza di motivi floreali di scorrimento, elementi ellenistici nel rendering della piega di abiti e. Raffigurazione di un straniero armato II secolo A.C. (diritto), probabilmente un re greco, con il simbolismo buddista (Triratna simbolo della spada), indica anche una sorta di culturale, religiosa, e lo scambio artistico in quel punto del tempo.

    Arte di Mathura

    The Bodhisattva Maitreya, 2ND secolo, Mathura.
    Il Bodhisattva Maitreya, 2ND secolo, Mathura.
    Un Bodhisattva, 2ND secolo, Mathura
    Un Bodhisattva, 2ND secolo, Mathura

    Le rappresentazioni del Buddha in Mathura, nel nord dell'India centrale, sono generalmente datata leggermente più tardi rispetto a quelli di Gandhara, anche se non senza dibattito, e sono anche molto meno numerosi. Fino a quel punto, Arte buddista indiano era stato essenzialmente aniconica, evitando la rappresentazione del Buddha, fatta eccezione per i suoi simboli, come la ruota o la Albero della Bodhi, anche se alcuni arcaica rappresentazione scultorea Mathuran di Yaksas (divinità della terra) sono state datate ai secolo A.C.. Anche questi Yaksas indicare qualche influenza ellenistica, forse risalente all'occupazione di Mathura Indo-Greci durante l'II secolo A.C..

    In termini di predisposizioni artistiche per prime rappresentazioni del Buddha, Arte greca fornito uno sfondo molto naturale e secolare per una rappresentazione antropomorfica della divinità, Se al contrario “non c'era nulla in precedente statuaria indiana a suggerire un simile trattamento della forma o vestito, e pantheon indù non fornito nessun modello adeguato per una divinità aristocratica e interamente umana” (Boardman).

    Scorrimento greco supportato da indiano Yaksas, Amaravati, 3III secolo D.C.
    Scorrimento greco supportato da indiano Yaksas, Amaravati, 3III secolo D.C.

    Le sculture di Mathura incorporano molti elementi ellenistici, ad esempio il realismo idealistico generale, e i principali elementi di design come i capelli ricci, e indumento piegato. Specifici adattamenti Mathuran tendono a riflettere le condizioni climatiche più calde, come sono costituite da una maggiore fluidità dei vestiti, che progressivamente tendono a coprire solo una spalla invece di entrambi. Also, tipi facciali inoltre tendono a diventare più Indianized. Bottoni in “Ellenismo in India” descrive “il carattere misto della scuola di Mathura nel quale troviamo un lato, una diretta continuazione dell'antica arte indiana di Bharut e Sanchi e d'altra parte, l'influenza classica derivata da Gandhara”.

    L'influenza dell'arte greca può essere sentito oltre Mathura, per quanto riguarda Amaravati sulla costa orientale dell'India, come dimostra l'utilizzo del greco scorre in combinazione con divinità indiana. Si trovano anche altri motivi come greci carri tirati da quattro cavalli nella stessa zona.

    Per inciso, Arte indù ha iniziato a sviluppare dal 1 ° al 2 ° secolo D.C. e trovato la sua prima ispirazione nell'arte buddista di Mathura. Progressivamente incorporava una profusione di elementi stilistici e simbolici indù originali comunque, in contrasto con l'equilibrio generale e la semplicità dell'arte buddista.

    L'arte dell'immaginario sessuale frequente di Mathura caratteristiche. Immagini femminili con seni nudi, nudo sotto la vita, visualizzazione di labbra e femmina organi genitali sono comuni. Queste immagini sono più sessualmente esplicite rispetto a quelli dei periodi precedenti o successivi.

    Arte dei Gupta

    Buddha of the Gupta period, 5secolo del Th, Mathura.
    Buddha della Gupta periodo, 5secolo del Th, Mathura.
    Testa di un Buddha, Periodo di Gupta, 6secolo del Th.
    Testa di un Buddha, Periodo di Gupta, 6secolo del Th.

    L'arte di Mathura acquisito elementi progressivamente più indiani e ha raggiunto una raffinatezza molto alta durante la Impero di Gupta, tra l'IV e il vi secolo D.C.. L'arte dei Gupta è considerato come l'apice dell'arte buddista indiano.

    Elementi ellenistici sono ancora chiaramente visibili nella purezza della statuaria e le pieghe dei vestiti, ma sono migliorato con un rendering molto delicato il drappeggio e una sorta di radianza rinforzato con l'utilizzo di arenaria rosa.

    Dettagli artistici tendono ad essere meno realistico, come visto nei riccioli conchiglia simbolici usati per rendere l'acconciatura del Buddha.

    Espansione in Asia centrale

    Influenze artistiche greco-buddhista naturalmente seguirono buddismo nella sua espansione all'Asia centrale e orientale dai secolo A.C..

    Battria

    Statua da un monastero buddista 700 ANNUNCIO, Afghanistan
    Statua da un monastero buddista 700 ANNUNCIO, Afghanistan

    Battria fu sotto il controllo greco diretto per più di due secoli dalle conquiste di Alessandro il grande in 332 BC per la fine dei Greco-battriano Unito intorno 125 BC. L'arte di Battria era quasi perfettamente ellenistica, come dimostrano i resti archeologici di Greco-battriano città come Alessandria sull'Oxus (Ai-Khanum), o l'arte numismatica del re Greco-battriano, spesso considerato come il migliore del mondo ellenistico, e tra cui il più grande argento e oro monete mai coniate dai greci.

    Quando il buddismo espanse in Asia centrale dai secolo D.C., Battria visto i risultati della Greco-buddhista sincretismo arrivano sul suo territorio dall'India, una nuova miscela di rappresentazione scultorea è rimasto fino alle invasioni islamiche.

    Il più sorprendente di queste realizzazioni sono il Buddha di Bamyan. Essi tendono a variare tra il 5 e il 9 ° secolo D.C.. Il loro stile è fortemente ispirato dalla cultura ellenistica.

    In un'altra area di Battria chiamato Fondukistan, alcune opere d'arte Greco-Buddhista sopravvisse fino al VII secolo nei monasteri buddisti, visualizzazione di una forte influenza ellenistica combinato con manierismo e decorativismo indiano, e alcuni influenzare il Sasanide Persiani.

    La maggior parte dell'arte resto della Battria venne distrutto dal v secolo in poi: i buddisti sono stati spesso accusati di idolatria e tendevano ad essere perseguitati dalla iconoclasta Musulmani. Distruzioni continuarono durante il Guerra Afghanistan, e soprattutto per la Talebani regime di 2001. Il caso più famoso è quello della distruzione della Buddha di Bamyan. Ironia della sorte, la maggior parte dell'arte resto dall'Afghanistan ancora esistente è stato rimosso dal paese durante il periodo coloniale. In particolare, una ricca collezione esiste presso il Musée Guimet in Francia.

    Bacino del Tarim

    "Heroic gesture of the Bodhisattva", 6th-7th century terracotta, Tumshuq (Xinjiang).
    “Eroico gesto della Bodhisattva“, 6Th-VII sec. in terracotta, Tumshuq (Xinjiang).
    Testa di un Bodhisattva, 6th-7th century terracotta, Tumshuq (Xinjiang).
    Testa di un Bodhisattva, 6Th-VII sec. in terracotta, Tumshuq (Xinjiang).

    L'arte della Bacino del Tarim, chiamato anche Dove arte, è l'arte che si è sviluppato dal 2 attraverso l'undicesimo annuncio di secolo in Serindia or Xinjiang, la regione occidentale della Cina, che fa parte del Asia centrale. Esso deriva dall'arte della Gandhara e chiaramente combina tradizioni indiane con influenze greche e romane.

    I missionari buddisti che viaggiano con il Via della seta ha introdotto questa arte, lungo con Buddismo stessa, nella Serindia, dove si è mescolato con influenze cinesi e persiane.

    Influenze in Asia orientale

    Le arti della Cina, Corea e Giappone adottato influenze artistiche Greco-Buddhista, ma tendevano ad aggiungere molti elementi locali nonché. Ciò che rimane più facilmente identificabile dall'arte Greco-Buddhista sono:

    • Il realismo idealistico generale delle figure che ricordano l'arte greca.
    • Abbigliamento elementi con elaborati pieghe di stile greco.
    • L'acconciatura riccio caratteristico del Mediterraneo.
    • In alcune rappresentazioni buddista, librandosi alato figure tenendo una corona.
    • Elementi scultorei greci come viti e volute floreali.

    Cina

    Wei settentrionali Buddha Maitreya, ANNUNCIO 443.
    Wei settentrionali Buddha Maitreya, ANNUNCIO 443.

    Greco-buddhista elementi artistici possono essere rintracciati nell'arte buddhista cinese, con variazioni locali e temporali diversi a seconda del carattere delle varie dinastie che ha adottato la fede buddista. Alcuni dei primi noti buddista manufatti trovati in Cina sono piccole statue su “alberi di soldi”, datato annuncio di circa 200, in tipico stile di Gandhara (disegno): “Che le immagini importate che accompagnano la dottrina appena arrivata provenivano da Gandhara è fortemente suggerito da tali caratteristiche di Gandhara precoce su questo “albero dei soldi” Buddha come l'alta ushnisa, disposizione verticale dei capelli, baffi, simmetricamente cappio veste e incisioni parallele per le pieghe delle braccia.” “Crocevia dell'Asia” p209

    Alcuni Wei settentrionali statue possono essere abbastanza rievocativi di Gandhara in piedi Buddha, anche se in stile un po' più simbolico. Il rendering dell'abito e l'atteggiamento generale rimangono tuttavia. Altri, come Dinastia Qi settentrionale statue anche mantengono lo stile Greco-Buddhista generale, ma con realismo e meno forti elementi simbolici.

    Alcuni Wei orientale statue visualizzare Buddha con piegature di robe elaborato stile greco, e sormontati dal volano figure tenendo una corona.

    Giappone

    Il Buddha, Periodo Asuka, 7secolo del Th.
    Il Buddha, Periodo Asuka, 7secolo del Th.
    A Buddha in Kamakura (1252), che ricordano influenze Greco-Buddhista.
    Un Buddha in Kamakura (1252), che ricordano influenze Greco-Buddhista.

    In Giappone, Arte buddista ha iniziato a svilupparsi come il paese si convertì al buddhismo nel D.C. 548. Alcune mattonelle dalla Periodo Asuka, il primo periodo dopo la conversione del paese al buddismo, visualizzare uno stile sorprendentemente classico, con ampio vestito ellenistico e realisticamente rendering corpo forma caratteristica dell'arte Greco-Buddhista.

    Altre opere di integrare una varietà di influenze cinesi e coreane, così quella buddista giapponese è diventato estremamente vario nella sua espressione. Molti elementi dell'arte Greco-Buddhista rimangono a questo giorno tuttavia, come il Ercole ispirazione dietro il Nio divinità custode davanti a templi buddisti giapponesi, o rappresentazioni del Buddha che ricordano l'arte greca come il Buddha in Kamakura.[3]

    Iconographical evolution of the Wind God.<br />
Sinistra: Greek wind god from Hadda, 2nd century.<br />
Medio: wind god from Kizil, Bacino del Tarim, 7th century.<br />
Diritto: Japanese wind god Fujin, 17secolo del Th.
    Evoluzione iconografica del Dio del vento.
    Sinistra: Dio greco del vento da Hadda, 2ND secolo.
    Medio: Dio del vento da Kizil, Bacino del Tarim, 7secolo del Th.
    Diritto: Dio giapponese del vento Fujin, 17secolo del Th.

    Varie altre influenze artistiche Greco-Buddhista possono essere trovate nel pantheon buddista giapponese, la più impressionante delle quali è quella del Dio del vento giapponese Fujin. In coerenza con l'iconografia greca per il Dio del vento Boreas, il Dio giapponese del vento tiene sopra la sua testa con le due mani un drappeggio o “borsa vento” nello stesso atteggiamento generale.[4] L'abbondanza di capelli sono state tenute nella resa giapponese, così come le caratteristiche facciali esagerate.

    Iconographical evolution from the Greek god Herakles to the Japanese god Shukongōshin. Da sinistra a destra:<br />
1) Herakles (Museo del Louvre).<br />
2) Herakles on coin of Greco-Bactrian king Demetrius I.<br />
3) Vajrapani, il protettore del Buddha, depicted as Herakles in the Greco-Buddhist art of Gandhara.<br />
4) Shukongōshin, manifestation of Vajrapani, come divinità protettrice dei templi buddisti in Giappone.
    Evoluzione iconografica dal dio greco Herakles il Dio giapponese Shukongōshin. Da sinistra a destra:
    1) Herakles (Museo del Louvre).
    2) Herakles sulla moneta di Greco-battriano Re Demetrio mi.
    3) Vajrapani, il protettore del Buddha, raffigurato come Eracle nell'arte Greco-Buddhista di Gandhara.
    4) Shukongōshin, manifestazione di Vajrapani, come divinità protettrice dei templi buddisti in Giappone.

    Un'altra divinità buddista, denominato Shukongoshin, una delle divinità protettrici ira-riempita di templi buddhisti in Giappone, è anche un interessante caso di trasmissione dell'immagine del dio greco famoso Herakles per l'Estremo Oriente lungo il Via della seta. Herakles è stato usato nell'arte Greco-Buddhista di rappresentare Vajrapani, il protettore del Buddha, e la sua rappresentazione fu poi utilizzato in Cina e Giappone per raffigurano i dèi protettore dei templi buddisti.[5]

    Temple tiles from Nara, 7secolo del Th.
    Piastrelle di Tempio da Nara, 7secolo del Th.
    Vite e uva scorre da Nara, 7secolo del Th.
    Vite e uva scorre da Nara, 7secolo del Th.

    Infine, l'ispirazione artistica dal greci volute floreali è trovato letteralmente nella decorazione di tegole giapponese, uno degli elementi rimanenti unici di architettura in legno sia sopravvissuto nei secoli. Quelle più chiare sono dal VII secolo Nara piastrelle di costruzione del tempio, alcuni di loro esattamente raffigurante vitigni e uve. Questi motivi si sono evoluti verso rappresentazioni più simboliche, ma essenzialmente rimangono a questo giorno in molte costruzioni tradizionali giapponesi.[6]

    Influenze sul sud-est asiatico arte

    Bodhisattva Lokesvara, Cambodia 12th century.
    Bodhisattva Avalokiteśvara, Cambogia 12secolo del Th.
    Avalokiteshvara on the wall of Plaosan temple, Javanese Sailendran art, 9secolo del Th.
    Avalokiteshvara sulla parete del Plaosan Tempio, Giavanese Sgueglia arte, 9secolo del Th.

    La civiltà indiana si è rivelata molto influente sulle culture di Sud-est asiatico. La maggior parte dei paesi hanno adottato cultura e scrittura indiana, insieme a Induismo e Mahayana e Theravada Buddismo.

    L'influenza dell'arte Greco-Buddhista è ancora visibile nella maggior parte della rappresentazione del Buddha nel sud-est asiatico, attraverso il loro idealismo, realismo e dettagli del vestito, anche se tendono a mescolarsi con arte indiano indù dall', e hanno progressivamente acquisire ulteriori elementi locali.

    Significato culturale

    Oltre a elementi stilistici che si diffuse in tutta l'Asia per vicino un millennio, il principale contributo dell'arte Greco-buddhista della fede buddista può essere nel realismo idealistico di ispirazione greca che ha contribuito a descrivere in modo visivo e immediatamente comprensibile lo stato di beatitudine personale e Illuminismo proposti dal buddhismo. La comunicazione di un approccio profondamente umano della fede buddista, e la sua accessibilità a tutti probabilmente hanno beneficiato il sincretismo artistico Greco-Buddhista.

    Musei

    Grandi collezioni

    Piccole collezioni

    Collezioni private

    Questa pagina è basata su un Wikipedia articolo

    Lascia un commento